Guesthouse Maldive: quale atollo

Se stai organizzando un viaggio alle Maldive in guesthouse, ti starai chiedendo quale atollo o isola scegliere.

Maafushi è il primo nome che imparerai a conoscere. Su quest’isola dell’atollo di Malé Sud infatti sono nate le prime guesthouse di pescatori maldiviani che hanno reso questa meta meno esclusiva e accessibile a tutti. Leggo però sulla mia Lonely Planet Maldive che oggi sono più di 500 le strutture di questo tipo in tutte le Maldive e questo ovviamente non semplifica la scelta.

Io ho scelto l’isola di Dhiffushi, ma prima di parlare di isole vorrei fare con te alcune riflessioni sul cosa significa una vacanza in guesthouse alle Maldive. Si, esatto: prima di scegliere la miglior isola delle Maldive per te è meglio riflettere su alcuni aspetti.

Guesthouse Maldive: sulla soglia del Dhiffushi White Sand Beach
Guesthouse Maldive: sulla soglia del Dhiffushi White Sand Beach

Una vacanza o viaggio in guesthouse potrebbe infatti deludere chi cerca nelle Maldive un luogo incontaminato e idilliaco, quello che trovi sfogliando i cataloghi delle agenzie di viaggio.

Bada bene, non sto dicendo che dovrai rinunciare al mare incantato delle Maldive, ti assicuro che vivrai esattamente le stesse meraviglie di chi qui soggiorna in strutture da sogno, ma venendo a contatto con le piccole isole di pescatori maldiviani vivrai anche le “vere Maldive”, ovvero stralci di vita reale, concreta e non certo idilliaca, ma non per questo necessariamente da sfuggire. Cosa voglio dire con questo? Ti faccio qualche esempio.

Le Maldive sono una distesa di minuscole isolette nella vastità dell’Oceano Indiano: se ogni giorno qui consumerai marmellata a colazione, un succo di frutta o acqua in bottiglia dove credi che verrà smaltita tutta questa plastica? Ahimè anche qui, come in Malesia, mi è capitato di assistere a falò notturni dallo sgradevole odore… La difficoltà nello smaltimento dei rifiuti è un problema reale e alcune zone di queste isole, quelle “più lontane dai turisti”, sono adibite a depositi di spazzatura. A me piace camminare in lungo e in largo e questi “depositi” li ho trovati su tutte le isole che ho visitato.

Le strade poi sono tutt’altro dall’essere perfette e per lo più sono strade di sabbia e terra battuta, a tratti anche poco curate, dato che sulla maggior parte di queste isole non vi sono neppure automobili. Per me in realtà questo è un valore aggiunto: 10 giorni in infradito senza dover badare al traffico quando si attraversa la strada: vorrei poter vivere così ogni giorno! 🙂

Camminando per Dhiffushi (Maldive)
Camminando per Dhiffushi (Maldive)

Ancora: il turismo su alcune di queste isole sta arrivando prepotentemente e camminando per le strette viuzze troverai molti cantieri in costruzione e un forte odore di cemento: si, se in tanti vogliamo venire alle Maldive gli alloggi dovranno pur essere costruiti. Anche questo aspetto potrebbe urtare qualcuno e mi pare opportuno segnalartelo.

Ecco, in resort vivrai in un ambiente perfetto e incontaminato, al contrario le isole di pescatori sono molto più autentiche.

Ci sono poi 3 considerazioni da fare date dal fatto che le Maldive sono un Paese mussulmano:

  • qui alcune donne indossano il burka, il che vuol dire che per rispetto delle usanze di questo popolo non è il caso di camminare per strada con gambe e spalle scoperte (per noi donne è sufficiente un pareo) e lo stesso vale anche in spiaggia… Si, non puoi prendere il sole in spiaggia in costume e per questo sono nate le cosiddette bikini beach, le spiagge per i turisti. Scegli la tua isola in base alle bikini beach: ad esempio a Dhiffushi sono ben 4 in tutta l’isola, una più bella dell’altra, ma documentati attentamente su quest’aspetto per non avere sorprese una volta sul posto. Questo aspetto ti creerà problemi? Assolutamente no, ti basta guardare le mie foto in costume sul blog: mai nessun maldiviano mi ha fatto questioni sul mio abbigliamento (sempre e comunque rispettoso – credo), anzi ho avuto l’impressione che siano “abituati alle usanze dei turisti”, ma questo non ci autorizza ad ignorare le loro; 🙂
  • mentre il mio alloggio a Dhiffushi (il White Sand Beach) era lontano dalla moschea, a Mahibadhoo ho dormito al Vilu Thari Inn Maldives e alle 5 di ogni mattina la preghiera del Muezzin è stata la mia sveglia. Questo canto che dai minareti della moschea riecheggia in tutta l’isola è molto suggestivo se non l’hai mai sentito, ma è anche particolarmente fastidioso se hai il sonno leggero come me: bada bene a dove si trova il tuo alloggio rispetto alla moschea;
  • su nessuna di queste isole di pescatori troverai alcolici: né ai ristoranti, né ai market e neppure ai bar. Questo non avviene nei resort, dove al contrario vino, birra e super alcolici sono serviti ai turisti senza alcuna limitazione, ma nelle isole di pescatori la cultura mussulmana che vieta l’uso di alcolici è applicata alla lettera.
Bikini beach Maldive
Una delle bikini beach delle Maldive (a Dhiffushi)

Mi è piaciuta la mia vacanza in guesthouse alle Maldive? L’ho amata! I maldiviani sono un popolo meraviglioso e mi sento di consigliarti un viaggio di questo tipo, partendo però con la consapevolezza necessaria che spero di riuscire a trasmetterti tramite quello che stai leggendo.

Come anticipato io ho scelto la piccola Dhiffushi, nell’atollo di Malè Nord e ora ti spiego il perché.

 

Dove andare in guesthouse alle Maldive

 

Una guesthouse è un alloggio messo a disposizione dai locali, ma ormai è possibile trovare anche guesthouse alle Maldive a gestione italiana. Queste strutture nascono su isole di pescatori che condividono il mare incantato con le isole private dei resort più lussuosi al Mondo e, fortunatamente per noi, hanno reso questa una meta meno esclusiva e più accessibile.

Per definizione una guesthouse dovrebbe essere un’abitazione (o parte di un’abitazione) di una famiglia maldiviana, in realtà qui intendiamo alloggi prenotabili in autonomia tramite Booking perché “guesthouse alle Maldive” oggi è sinonimo di risparmio.

Lo ribadisco: nella scelta di un’isola o dell’altra non è solo la struttura dove alloggerai da tenere in considerazione. Non in tutte le spiagge è consentito prendere il sole in costume e ci sono isole più “attente al turismo”, rispetto ad altre. Inoltre se intendi risparmiare il consiglio è quello di scegliere un’isola guesthouse vicina a Malé, in modo che il trasporto per raggiungere l’alloggio non incida eccessivamente sul costo complessivo del viaggio.

 

Guesthouse Maldive: dove tutto è nato

Oggi Maafushi è l’isola di riferimento per una vacanza low cost alle Maldive. Il perché è subito detto: qui sono sorte le prime guesthouse del Paese e oggi sono numerose; l’ampia scelta porta concorrenza e prezzi convenienti per il turista. Se il tuo obiettivo è risparmiare, Maafushi è la soluzione migliore, MA continua a leggere…

Lorena e Federico mi hanno segnalato, parlandomene molto bene, del Kurumba Villa, recente struttura presso la quale hanno soggiornato. Mi hanno descritto Maafushi come un’isola molto attrezzata, con PRO e CONTRO. Ad esempio la piccola spiaggia per i turisti è spesso molto affollata: Lorena e Federico nei giorni in prossimità del Capodanno dovevano “correre” al mattino per accaparrarsi i pochi lettini a disposizione, lettini tra l’altro a pagamento – ti invito a riflettere su questi aspetti, io a Dhiffushi ho trovato ben 4 spiagge per turisti sempre “libere” e ombrelloni e lettini gratuiti.

Maafushi è poi scelta da moltissimi turisti per la sua vicinanza a Malé: sono sufficienti 30 Dollari americani e 30 minuti di speed boat per raggiungerla, ma anche altre isole non richiedono poi trasporti tanto più lunghi o costosi.

Insomma, da quel che ho sentito sono contenda di aver scelto Dhiffushi per la mia prima volta alle Maldive, ma spero preso di poter vedere coi miei occhi anche Maafushi. Proseguiamo.

 

Maldive guest house per famiglie

Dhiffushi, atollo di Malé Nord: non posso che consigliartela.

Credo che Dhiffushi tra qualche anno sarà la nuova Maafhusi: al momento moltissime costruzioni sono in corso d’opera, si trovano già un discreto numero di alloggi su Booking, bar e ristoranti, ma l’isola è ancora molto “intima”.

Delle 4 isole che ho visitato personalmente durante il mio Capodanno alle Maldive è quella che ho preferito.

Innanzitutto, pur essendo un’isola piuttosto piccola, dispone di ben 4 bikini beach, cosa non di poco conto. Le due spiagge rivolte ad Est sono un vero Paradiso per gli occhi e ventilate. Troverai ombrelloni e lettini messi a disposizione dalla struttura dove ho alloggiato, il Dhiffushi White Sand Beach (65 € per una matrimoniale a notte colazione inclusa): m’è sembrato di essere in guesthouse alle Maldive con spiaggia privata!

Il mare di Dhiffushi da una delle bikini beach
Il mare di Dhiffushi da una delle bikini beach

Le spiagge rivolte ad Ovest (una è quella che vedi nella foto qui sopra) sono invece più calde ed afose perché meno ventilate: queste sono ideali per godere del tramonto la sera o per una passeggiata al mattino, ma il mare è da sogno in ogni angolo dell’isola.

Vedi le foto del mio alloggio a Dhiffushi

 

Qui a Dhiffushi non c’è barriera corallina raggiungibile a nuoto dalla spiaggia e forse questa è l’unica nota negativa. Non che non sia possibile avvistare colorati pesci tropicali, ma il reef lo vedrai solo durante le escursioni, escursioni che se organizzate in guesthouse hanno prezzi a partire da 20/30 Dollari a persona.

Per i pasti non mancano bar e ristoranti, sia per i turisti che locali 100% maldiviani dove assaporare un’aria più genuina.

Perché Dhiffushi è un’isola delle Maldive adatta alle famiglie? Beh, qui intanto ho trovato viaggiatori con figli di tutte le età. La distanza da Malé non è troppo impegnativa e l’isola offre una buona varietà di alloggi, oltre ad un piccolo parco giochi.

Trovi qui un approfondimento sull’isola: Dhiffushi fai da te.

 

Guesthouse a gestione italiana alle Maldive

È a Thulusdhoo la guesthouse migliore delle Maldive, o almeno quella più chiacchierata e a gestione italiana: la Samura Maldive Guesthouse di Giacomo.

Questa struttura è l’esempio di come guesthouse non sia sinonimo di “alloggio trasandato”, anzi. Con un costo oltre 100 Dollari americani a notte a persona qui i servizi offerti sono di prim’ordine ed in più troverai tutta la simpatia e la disponibilità di Giacomo che ho avuto il piacere di incontrare su una sandbank (una lingua di sabbia che emerge dal mare con la bassa marea) durante il mio viaggio alle Maldive. Ovviamente non è necessario spendere una tale cifra: le Maldive possono essere una meta low cost!

Samura Maldives Guesthouse a Thulusdhoo
Samura Maldives Guesthouse a Thulusdhoo

Ho visitato Thulusdhoo in giornata. L’isola è più grande e, aggiungo, un poco più dispersiva rispetto alla più intima Dhiffushi.

Qui inoltre troverai una barriera corallina raggiungibile a nuoto dalla spiaggia e spesso questo è il motivo per cui alcuni preferiscono Thulusdhoo ad altre isole maldiviane (torneremo a parlarne tra poco, continua a leggere).

Di Thulusdhoo sicuramente non potrai fare a meno di notare il pontile in prossimità proprio del reef: è da qui che al mattino presto o al tramonto è possibile imbattersi in branchi di delfini che transitano in prossimità della costa: molto suggestivo.

 

Meglio Dhiffushi o Thulusdhoo?

Il mio è un parere personale e soggettivo, oltre che di parte perché mentre a Dhiffushi ho soggiornato 4 notti, a Thulusdhoo ho trascorso solo una mezza giornata. Detto questo per correttezza, tra le due ho preferito la piccola Dhiffushi: non che Thulusdhoo non la si possa girare a piedi, ma a Dhiffushi in meno di 10 minuti sarai da un capo all’altro dell’isola.

Durante il mio viaggio alle Maldive ho sentito dire “eh, ma a Thulusdhoo c’è una barriera corallina raggiungibile dalla spiaggia a nuoto”. Si è vero, a Dhiffushi non c’è barriera corallina e i fondali delle spiagge sono prevalentemente sabbiosi, vedrai qualche pesce tropicale, ma la barriera di Thulusdhoo è migliore… Va però detto che indossata una maschera subacquea anche a Tulushdoo non troverai certo i colori o la vita marina del Mar Rosso: pesci si, ma ho visto mari ben più colorati e ricchi di vita… A Dhiffushi ho trovato le spiagge delle Maldive che sognavo e ci ho trascoro alcuni giorni: forse è per questo che ci ho lasciato il cuore.

 

Guesthouse Maldive Ari Sud

Le tre isole di cui ti ho parlato non sono le uniche con guesthouse, anzi di guesthouse Lonely Planet Maldive racconta che ve ne sono più di 500. Troverai alloggi a prezzi abbordabili ovunque e in tutti gli atolli, ma ti il mio consiglio è di informarti il più possibile prima di prenotare il tuo alloggio.

Dico questo perché nella seconda parte del mio viaggio alle Maldive mi sono spostata a Mahibadhoo, nell’Atollo di Ari Sud, per poter nuotare con gli squali balena, lo sognavo da tempo e ci sono riuscita (ma di questo parlerò un’altra volta).

Su Mahibadhoo non ho trovato molte informazioni prima di partire e ho voluto rischiare. Me ne sono pentita ? No, ma l’isola è molto diversa da Dhiffushi.

Il mare della spiaggia di Mahibadhoo
Il mare della spiaggia di Mahibadhoo

Qui vi è un’unica bikini beach per i turisti in tutta l’isola e nonostante sia in prossimità della struttura dove ho pernottato, il Vilu Thari Inn Maldives, la maggior parte della spiaggia è a disposizione dei locali, lasciando ai turisti un piccolo tratto di mare.

Non che ci possa lamentare di questo paradiso, ma Dhiffushi è decisamente un’isola più accogliente per i turisti e mi sembra corretto farlo presente.

 

Prezzi guesthouse Maldive

Concludo con una nota sui prezzi delle guesthouse alle Maldive dato che in più persone mi hanno fatto notare come un viaggio da queste parti possa considerarsi un lusso.

Dormire in strutture più che dignitose a 30/35 € a notte e potersi alzare da tavola dopo aver speso 10 o 15 € per me fa rientrare il tutto in un viaggio alla portata di tutti, quindi spero che presto e coi consigli del mio blog tu possa raggiungere questa meta! 🙂

PS: viaggiando in fai da te ricorda sempre un’assicurazione sanitaria viaggio!

 

Trovi sul blog altri articoli riguardanti le Maldive:

📌 Dhiffushi (Maldive): consigli per il fai da te

📌 Guesthouse Maldive: quale atollo

📌 Viaggio alle Maldive fai da te

📌 Costi viaggio Maldive: come risparmiare

Nel caso avessi una qualsiasi domanda scrivi su Instagram, sulla mia pagina Facebook o qui sotto nei commenti.

Guesthouse Maldive: quale atollo

Articolo valutato 5.00 / 5 da 4 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *