Fare velocemente il Passaporto nel 2022: costo, documenti, tempi di rilascio, validità e rinnovo

Passaporto, indispensabile ed inseparabile compagno di viaggio: qui di seguito trovi una guida esaustiva per fare il passaporto velocemente o rinnovarlo ma, te lo dico subito, rinnovare il passaporto non è possibile: la procedura va ripetuta da capo, come per la sua prima emissione.

Il passaporto italiano è tra quelli al Mondo con “maggior potere”, ovvero permette l’ingresso in ben 189 Paesi stranieri (questo secondo il ranking 2022 di Henley & Partners) senza alcun visto d’ingresso. Ci sono poi alcune eccezioni, come il visto per Zanzibar dove, oltre al passaporto, è richiesto ai turisti il versamento di una tassa d’ingresso nel Paese, ma il passaporto è comunque necessario e senza non è possibile entrare.

Il mio passaporto elettronico

 

Come fare il passaporto e come rinnovarlo

 

Che cosa è il passaporto elettronico italiano?

I primi passaporti elettronici italiani sono stati rilasciati a partire dal 2006. Sino al 2010 però questi documenti non registravano nel chip nascosto all’interno della copertina (da qui “elettronico”) le impronte digitali dell’intestatario. Dato che la validità di un passaporto è di 10 anni, oggi possiamo dire che tutti i passaporti italiani validi in circolazione sono passaporti nei quali sono registrate anche le impronte digitali.

Non viaggiare mai al di fuori dell’Europa senza una assicurazione viaggio. Sottoscrivendo una polizza Columbus per viaggiare utilizzando il codice sconto TBG033 riceverai uno SCONTO del 10%

Sono 48 le pagine del passaporto italiano e il suo aspetto esteriore non è molto diverso dal vecchio passaporto cartaceo. A pagina 2 troviamo però la firma digitalizzata del titolare (ad esclusione dei minori di 12 anni), quello che tramite il chip nascosto all’interno della copertina del passaporto elettronico consente procedure di controllo più rapide negli aeroporti attrezzati.

Esistono diversi tipi di passaporti italiani, ma il turista come me deve richiedere il passaporto ordinario; gli altri passaporti sono infatti dedicati a funzionari statali che si spostano all’estero per questioni diplomatiche o passaporti per lavoro.

 

Quando e dove serve il Passaporto?

Il passaporto è necessario per viaggiare ovunque al di fuori dell’Europa, dato che per muoversi tra i Paesi membri dell’Unione Europea per noi italiani è sufficiente la carta di identità.

Solitamente non vi sono restrizioni tali per cui ad un viaggiatore italiano, in possesso di passaporto valido, sia negata la possibilità di entrare in un Paese straniero, ma guerre e conflitti o situazioni straordinarie potrebbero limitare la validità del nostro passaporto. Come scoprire se ci si può recare in un Paese straniero col proprio passaporto in tutta tranquillità e senza vincoli? Basta consultare il sito Viaggiare Sicuri della Farnesina e, in particolare, la scheda del Paese dove ci si intende recare, è li che troverai eventuali “divieti”.

 

Dove si fa o si rinnova il passaporto?

Fare il passaporto è semplice, ma ha un costo e dovrai seguire la procedura che sto per indicarti. Innanzitutto per richiedere il passaporto ordinario elettronico in Italia occorre essere cittadini italiani maggiorenni (vedremo anche come ottenere il passaporto per bambini).

È possibile richiedere il proprio passaporto presso gli uffici di una qualsiasi Questura. Questi uffici oggi consentono la prenotazione online di un appuntamento per velocizzare la richiesta del Passaporto, quindi consulta il sito della Questura della città a te più vicina e prenota il tuo appuntamento.

Passaporto online polizia di stato

Non è possibile fare il passaporto online, quello che si può fare è prenotare un appuntamento tramite sul sito della Polizia di Stato.
Dopo aver effettuato l’accesso tramite SPID o CIE, la procedura proseguirà con la selezione di un appuntamento presso la Questura più vicina a te.

Passaporto online: il sito della Polizia
Passaporto online: il sito della Polizia

Terminata la procedura di registrazione e selezionato l’appuntamento, ti verranno fornite indicazioni sui documenti da presentare in Questura alla richiesta del passaporto e il modulo da stampare e da compilare. Questo, e l’elenco che trovi qui sotto, ti permetterà di risparmiare tempo una volta sul posto.

Validità e scadenza passaporto

Il passaporto ordinario italiano ha validità di 10 anni dalla data di emissione e, nelle pagine del passaporto, la sua data di scadenza è indicata. La quasi totalità dei paesi extra Europa richiedono all’ingresso che il proprio passaporto abbia una validità residua di alcuni mesi (tra poco ne parlo in dettaglio). Quindi fai attenzione quando manca un anno o poco più alla scadenza e stai organizzando un viaggio.

Per poter infatti uscire dall’Europa e recarsi in un Paese straniero, potrebbe essere richiesta una validità residua di un certo numero di mesi del passaporto (come se la sua validità dalla data di emissione non fosse di 10 anni, ma di 9 anni e 6 mesi). In altre parole se mi recassi in aeroporto a Milano Malpensa per un viaggio con destinazione Malesia con il passaporto in scadenza tra 4 mesi, mi verrà negato l’imbarco (la Malesia richiede una validità residua di 6 mesi del proprio passaporto). Questo non vale per tutti i Paesi stranieri, ma per la maggior parte.

Elenco paesi senza richiesta di validità passaporto residua di 6 mesi

Ho cercato un elenco di Paesi che non richiedono una validità residua del passaporto per poter viaggiare, ma non ho trovato nulla di completo, aggiornato ed attendibile. Il documento “migliore” che ho trovato è questo: un PDF sul sito della Polizia di Stato (ma datato 2011) dal quale è possibile ricavare un elenco di alcuni Paesi che non richiedono validità residua.

Attenzione però: alcuni Paesi richiedono validità residua di 6 mesi, altri di soli 3, ma alcuni addirittura di 12 mesi. Fai quindi molta attenzione prima di acquistare un biglietto aereo!

Stando a questo elenco (ATENZIONE – lo ripeto – è datato 2011 e quindi non aggiornato e non totalmente attendibile!) Paesi come Arabia Saudita, Cipro, Colombia, Filippine, Guatemala, Giappone, Isole Cook, Madagascar, Maldive (ma in questo caso il sito di Viaggiare Sicuri richieste, Mauritius, Namibia, Nepal, Oman, Perù, Repubblica Dominicana, Sri Lanka, Sud Africa e altri pare non richiedano validità di 6 mesi. Questo è confermato dal sito Viaggiare Sicuri, ad esempio, aprendo la pagina dedicata al Giappone; al contrario per quanto riguarda le Maldive o le Filippine sempre dal sito Viaggiare Sicuri si legge “Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo nel Paese“. È probabile che dal 2011 ad oggi le cose siano cambiate.

Quel che voglio dire è che puoi prendere l’elenco nel PDF come indicazione, ma non farci affidamento. A partire dall’elenco dovrai quindi consultare la scheda del Paese sul sito Viaggiare Sicuri per verificare l’esattezza dell’informazione e, per ulteriore scrupolo, potresti anche contattare l’Ambasciata del Paese presso il quale intendi recarti nel caso in cui la validità del tuo passaporto sia prossima alla scadenza e tu non faccia in tempo a rinnovarlo (delle tempistiche per il rinnovo del passaporto parleremo tra poco).

Un’eccezione significativa (di questo ne sono sicura) è rappresentata dagli Stati Uniti per cui l’Italia fa parte del cosiddetto Six-Month Club, un elenco di Paesi per i quali non è richiesta alcuna validità residua e perciò è sufficiente che il passaporto sia valido per il periodo di soggiorno previsto (qui il documento ufficiale).

 

Passaporto documenti richiesti 2022

Per ottenere un nuovo passaporto, dopo aver preso un appuntamento in Questura, presentati il giorno e all’ora indicati con:

  1. il modulo stampato e compilato di richiesta di passaporto (lo trovi a questo indirizzo sul sito della Polizia di Stato)
  2. la tua carta d’identità valida in originale e fotocopiata (la fotocopia non ti sarà fatta sul posto, provvedi prima); inoltre la carta d’identità deve essere perfettamente integra e leggibile
  3. due (2) foto tessera per passaporto, identiche (non possono essere due foto diverse) e recenti. Ti consiglio di andare da un fotografo e chiedere espressamente 2 foto per passaporto (il tuo volto deve essere ben in vista, non nascosto in alcun modo e lo sfondo deve essere necessariamente bianco)
  4. la ricevuta di pagamento del versamento di 42,50 Euro tramite bollettino su conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro. Come causale indicare: “Importo per il rilascio del passaporto elettronico“. Ti consiglio di utilizzare i bollettini pre-compilati che trovi facilmente in Posta
  5. marca da bollo da 73,50 Euro da acquistare da un rivenditore di valori bollati (ad esempio una tabaccheria) prima di presentarsi in Questura con la restante documentazione

 

Il modulo da compilare per la richiesta del passaporto
Il modulo da compilare e portare in Questura per la richiesta del passaporto

 

Costo passaporto 2022

Quanto costa fare il passaporto oggi? Avendo già due foto tessera come sopra indicato, il costo del passaporto è di 116 Euro totale, ovvero quei 42,50 Euro (il costo del passaporto vero e proprio) a cui sommare i 73,50 Euro (il contributo amministrativo).

Una volta in Questura sarà anche possibile richiedere di farsi recapitare a casa il passaporto (senza bisogno di dover tornare in Questura dopo qualche giorno a ritirarlo). In questo caso ai 116 Euro appena indicati vanno aggiunti un costo di circa 9 Euro per la consegna all’indirizzo che indicherai, per un totale di circa 125 Euro per il passaporto spedito a casa.

Marca da bollo passaporto

Anni fa sul passaporto era necessario apporre ogni anno una marca da bollo per mantenerlo valido: questo oggi non è più necessario. Sostenuta la spesa per richiederlo, per 10 anni non dovrai fare più nulla: il tuo passaporto sarà valido sino alla scadenza (anzi, sino ai 6 mesi precedenti).

 

Quanto tempo per avere il passaporto

Alla domanda “quanto tempo ci vuole per fare il passaporto?” risponderei 15 giorni in “tempi normali”. Occorrono 20 o 25 giorni in tarda primavera e inizio estate quando le richieste si concentrano.

La procedura per la richiesta del passaporto è infatti piuttosto veloce: fatta la richiesta d’appuntamento in Questura e portati qui i documenti nel giro di un paio di settimane potrai ritirare il tuo nuovo passaporto ma ATTENZIONE gli appuntamenti per fare il passaporto in Questura sono pochi e i tempi di attesa possono facilmente superare i 3 o 4 mesi, soprattutto in prossimità di Luglio e Agosto quanto la maggior parte degli italiani parte per le ferie all’estero.

Muoviti per tempo, anzi fatto con mesi d’anticipo. Se il tuo passaporto è in scadenza in estate non aspettare Aprile o Maggio per rinnovarlo, ma anticipa il tutto a Gennaio o Febbraio.

Lo ricordo ancora: non aspettare la scadenza del tuo passaporto perché non è possibile rinnovarlo; rinnovare il passaporto significa ripetere la procedura della sua prima richiesta, alla presentazione di tutti i documenti, foto, moduli, marche da bollo e versamenti e questo non velocizza in alcun modo i tempi.

 

Passaporto per bambini, neonati e minorenni

Anche i minorenni, per poter viaggiare al di fuori dell’Europa, devono avere il loro passaporto. Non è più possibile infatti aggiungere il proprio figlio al passaporto del genitore (questo era valido sino al 2012), ma occorre un passaporto dedicato al minore (anche se neonato).

La richiesta dell’appuntamento per il passaporto del figlio va effettuata registrandosi a nome del genitore (l’appuntamento, di fatto, verrà utilizzato per il passaporto del figlio) o del rappresentante legale del minore. Le restanti pratiche e moduli devono essere svolte col nome del minore (anche il versamento del bollettino postale).

La richiesta di passaporto per il figlio richiede il consenso di entrambi i genitori sia che essi siano sposati, conviventi, separati o divorziati. I genitori dovranno firmare il consenso in presenza di un Pubblico Ufficiale (che autenticherà la richiesta) direttamente in Questura, al momento della presentazione della domanda o in alternativa sarò necessario avere il nulla osta del Giudice tutelante.

Se uno dei due genitori non può prendere parte alla verifica della sua identità, l’altro può presentare copia della carda di identità del genitore non presente con una dichiarazione firmata in originale dell’assenso all’espatrio del figlio, come da DPR 445 del 2000 secondo la legge Bassanini.

Documenti per il passaporto per minorenni

Di seguito riporto i documenti da presentare in Questura per ottenere il passaporto per un minore:

  1. il modulo (non è lo stesso modulo dei maggiorenni!) stampato e compilato di richiesta di passaporto coi dati del figlio e la firma del genitore (lo trovi a questo indirizzo sul sito della Polizia di Stato)
  2. carta d’identità valida del minore in originale e fotocopiata (la fotocopia non si sarà fatta sul posto, provvedi prima). La carta d’identità deve essere perfettamente integra e leggibile. In alternativa, ai sensi del DPR 445 del 2000 legge Bassanini, il genitore può autocertificare che è il minore è suo figlio
  3. (come per il maggiorenne) 2 foto tessera per passaporto, identiche (non possono essere due foto diverse) e recenti
  4. (come per il maggiorenne) la ricevuta di pagamento del versamento di 42,50 Euro tramite bollettino su conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro. Come causale indicare: “Importo per il rilascio del passaporto elettronico
  5. marca da bollo da 73,50 Euro da acquistare da un rivenditore di valori bollati (ad esempio una tabaccheria) prima di presentarsi in Questura con la restante documentazione
  6. documento di identità del genitore (valido)

Validità Passaporto per bambini, neonati e minorenni

Attenzione: il passaporto per bambini ha una durata ben diversa rispetto a quello dei maggiorenni. Come detto, per un maggiorenne la validità del passaporto è di 10 anni, mentre per i bambini abbiamo una durata variabile di:

  • 3 anni se il rilascio è avvenuto entro i 3 anni di età
  • 5 anni se il passaporto è stato rilasciato tra i 3 e i 18 anni

Anche in questo caso però per l’ingresso in un Paese straniero vengono solitamente richiesti 6 mesi di validità residua.

 

Spero che questa guida ti sia utile: io ho richiesto il mio primo passaporto nel 2012 per un viaggio in Kenya e non vedo l’ora di viaggiare col mio secondo nuovo passaporto verso altri Paesi! 🙂

Fare velocemente il Passaporto nel 2022: costo, documenti, tempi di rilascio, validità e rinnovo

Articolo valutato 4.89 / 5 da 9 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.