Rasdhoo, Maldive: consigli di viaggio, recensione e opinioni

È grazie a isole come Rasdhoo che un viaggio alle Maldive in fai da te può diventare alla portata di tutti. Si, perché acquistando in anticipo il volo dall’Italia (magari in bassa stagione) e prenotando un alloggio in una struttura come il Shallow Laguna Rasdhoo, scoprirai che le Maldive sono una destinazione – oserei dire – economica una volta sul posto.

Attenzione però, una vacanza alle Maldive in un’isola di pescatori come Rasdhoo è un’esperienza totalmente diversa dall’alloggiare in un resort: sarai a contatto con le vere Maldive e per questo ti consiglio di leggere l’approfondimento guest house alle Maldive: cerca di capire se un’esperienza di questo tipo può fare per te. Ma torniamo all’isola di Rasdhoo.

Rasdhoo, Maldive: foto della spiaggia e in lontananza Marta Impiegata Giramondo
Rasdhoo, Maldive, Atollo di Ari Nord

 

Rasdhoo è la capitale dell’atollo di Ari Nord, un’isola di dimensioni contenute (la si gira facilmente a piedi), ma non minuscola come altre: è lunga 1,5 km e larga 500 metri. Essendo la capitale dell’atollo qui trova spazio anche un ospedale con tanto di ambulanze, il che mi ha sorpreso non poco dato che non ho visto altri mezzi a 4 ruote se non qualche furgoncino per il trasporto di merci e dei bagagli degli ospiti delle guest house. Oltre a questo una farmacia, una banca con sportello ATM per prelevare, tanti minimarket, qualche ristorante per i locali e i turisti e tanti tanti dive center.

Il mio alloggio a Rasdhoo

Esclusa la via principale che costeggia il lato Ovest dell’isola, le strade sono per lo più strette (anche se vi fossero auto non potrebbero essere percorse da un mezzo a 4 ruote) e di sabbia (non portare scarpe eleganti in valigia a Rasdhoo, ma comode infradito).

Marta Impiegata Giramondo mentre passeggia per le vie interne di Rasdhoo
Passeggiata tra le vie interne di Rasdhoo con il gentilissimo gestore dello Shallow Lagoon Rasdhoo

Rasdhoo è un’isola che si sta avvicinando al turismo (sono tante, anzi troppe, le costruzioni in fase di realizzazione), ma non è ancora “troppo turistica”. Perché venire qui e cosa ha da offrire? Scopriamolo.

 

Come arrivare

So che a molti preoccupa il “come raggiungere” queste isole di pescatori, ma ti assicuro che è tutto molto semplice. Rasdhoo non è troppo lontana da Malé e quindi è una di quelle isole da prendere in considerazione se si vuole risparmiare in un viaggio fai da te alle Maldive. La vicinanza alla capitale delle Maldive infatti permette di risparmiare sul trasporto, dato raggiungere gli atolli più lontani da Malé comporta un costo maggiore sui trasferimenti.

Posizione di Rasdhoo rispetto a Malé
Posizione di Rasdhoo rispetto a Malé

Nell’immagine qui sopra vedi al punto 1 la posizione di Malé; al punto 2 Rasdhoo, al 3 Ukulhas e infine al punto 4 l’isola di Mathiveri. Nel mio viaggio in Agosto alle Maldive ho fatto tappa in ciascuna di queste isole.

Da Malé a Rasdhoo

Il costo di un viaggio in barca veloce dalla durata di circa un’ora è di 35 Dollari americani a persona. Usciti dall’aeroporto di Malé troverai il molo dove attraccano queste speed boat (barche veloci).

Trovi tutti gli orari dei trasferimenti in barca da Malé a Rasdhoo e ritorno sul sito atolltransfer.com, ma non acquistare i biglietti da questo sito: puoi risparmiare contattando il tuo alloggio e farti organizzare il trasferimento in motoscafo da loro. Si, hai letto bene: se sarà la struttura dove alloggerai a prenotare al tuo posto il trasferimento in barca veloce da Malé a Rasdhoo risparmierai (ed effettuerai il pagamento direttamente alla struttura).

Barca da Malé a Rasdhoo
Barca da Malé a Rasdhoo

 

In alternativa (ma te lo sconsiglio dopo un lungo viaggio intercontinentale) potresti anche raggiungere Rasdhoo tramite un traghetto lento (o public boat). In questo caso il costo è irrisorio: 4 Dollari americani a persona (pagherai direttamente a bordo) per un viaggio della durata di circa 3 ore.

La “linea” del traghetto lento da prendere è la 303 AA. THODDOO – MALÉ: trovi gli orari di partenza in questa pagina, ma anche in questo caso ti consiglio di contattare la struttura dove alloggerai per avere tutte le informazioni del caso. Ricordo che i traghetti lenti per Rasdhoo partono dai moli dell’isola di Malé (su Google Maps qui), mentre le barche veloci dal molo appena fuori l’aeroporto (se qualcosa non ti è chiaro scrivimi a fondo pagina nei commenti).

Puoi raggiungere Rasdhoo anche in idrovolante in circa 15 minuti di volo, i prezzi però salgono vertiginosamente: più di 100 Dollari a persona a tratta e onestamente non sono cifre che fanno per me. Trovi però tutte le informazioni qui su www.transmaldivian.com

 

Dove alloggiare

C’è un nome più di altri in cui ti imbatterai nel cercare informazioni su Rashdoo, ovvero lo Shallow Lagoon Rasdhoo struttura nella quale anche io ho alloggiato con colazione inclusa ed una spesa di 30 Euro a notte a persona.

Vedi foto Shallow Lagoon su Booking

Io ho preferito avere pranzi e cene libere per poter frequentare i bar e ristorantini locali di queste isole (parleremo anche di questo) e, indipendente dall’alloggio che sceglierai, ti consiglio di fare altrettanto. Considera che pranzi e cene ai ristoranti costano mediamente molto poco: ho quasi sempre cenato con una spesa al più di 10-15 Euro a persona, ma spesso ho speso anche meno di 10 Euro.

Rasdhoo, la reception dello Shallow Lagoon Resort
Rasdhoo, la reception dello Shallow Lagoon Rasdhoo

 

Lo Shallow Lagoon Rasdhoo è tra le migliori strutture dell’isola, ma fai attenzione. Queste strutture sono gestite da personale con grande gentilezza e cordialità, ma possono mancare di alcune di quei dettagli a cui noi italiani siamo abituati ed è per questo dico che le Maldive in fai da te non sono adatte a chi in un viaggio di questo tipo si aspetta di trovare l’esperienza di un resort.

A cosa mi riferisco? Al colore delle fughe delle piastrelle nei bagni che non è sempre “immacolato”, al fatto che sia facile trovare stanze con un’umidità eccessiva (dato il clima del luogo) e questo aiuta la formazione di aloni sui muri e sulle pareti, ai dettagli degli arredi che spesso lasciano a desiderare. Ovviamente ogni struttura va giudicata a sé e, come sempre, alcune sono migliori di altre, ma a Rasdhoo, nonostante lo Shallow Laguna, ho dovuto accontentarmi più che in altre isole come la vicina Mathiveri o Dhiffushi che offrono strutture a mio avviso migliori.

 

Lo Shallow Laguna Rasdhoo è comunque una struttura dal buon rapporto qualità prezzo e con stanze spaziose e pulite. La posizione è ottima e a 2 passi dalla meravigliosa spiaggia di Rasdhoo.

Oltre allo Shallow Laguna Rasdhoo ti segnalo anche il Club Gabbiano: una struttura moderna (di fatto un condominio a più piani che deturpa un pò troppo il paesaggio), pulito, ma – devo essere sincera – non mi è per niente piaciuto il bagno con dei bancali in legno a fare da “piatto doccia”: una soluzione che rende le stanze a dir poco “umide” (probabilmente una soluzione temporanea – qui gli elementi per il bagno non si trovano facilmente come da noi).

Infine, consigliatomi da una ragazza italiana conosciuta sul posto di cui purtroppo non ricordo il nome (!) ecco il Fins Dive and Leisure Hotel, sempre ottima posizione ed ottime recensioni su Booking.

 

Spiagge a Rashdoo, la bikini beach

Lo ricordo anche qui: nelle isole di pescatori come Rasdhoo non è possibile frequentare tutte le spiagge in costume da bagno; le Maldive sono un paese mussulmano e per questo sono nate le cosiddette bikini beach, spiagge per i turisti che – ovviamente – sono anche le più belle.

In realtà la bikini beach di Rashdoo si estende per tutta la zona Sud dell’isola (il numero 1 sulla mappa qui sotto dell’isola) ed è rivolta verso l’isola resort di Kuramathi (il numero 2 sulla mappa), sulla quale sorge appunto il resort Kuramathi Maldives. Già la presenza di questo lussuoso resort ti fa capire quanto bello sia il tratto di mare e le spiagge in questa zona. Sempre nella mappa qui sotto al numero 3 è indicato il porto di Rasdhoo: le distanze sull’isola sono ridotte e la girerai a piedi.

Cartina di Rashdoo, Maldive
La cartina di Rasdhoo con evidenziata la sua bikini beach

Ho trovato molto piacevole la bikini beach di Rasdhoo: all’ombra della vegetazione troverai lettini e sdraio gratuiti e a disposizione dei turisti. Si, gratuiti e chi prima arriva meglio alloggia, ma devo dirti che non tutti sono in buone condizioni: molti infatti sono piuttosto rovinati (alcuni addirittura distrutti), ma a caval donato non si guarda in bocca… 🙂

Grazie all’ombra della vegetazione è stato un piacere trascorrere qui anche le ore calde della giornata; non troverai però bar e ristoranti che danno direttamente sulla spiaggia, ma non è un problema dato che alcuni di questi distano pochi passi dalla bikini beach ed è un attimo raggiungerli per uno spuntino (ma – lo ripeto – niente cocktail alcolici: siamo alle Maldive).

La spiaggia (bikini beach) di Rasdhoo a Sud dell'isola
La spiaggia (bikini beach) di Rasdhoo a Sud dell’isola

 

La spiaggia di Rashdoo è, nella zona più a Sud dell’isola, anche piuttosto ampia (come vedi nella foto qui sotto). In questa zona trova spazio anche una rete da beach volley in buono stato e a disposizione dei turisti. Oltre a questa, in un angolo un poco riparato e coperto in parte dalla vegetazione, anche dei servizi pubblici (gabinetti e docce). Insomma, una spiaggia pubblica attrezzata a tutti gli effetti e con qualche confort in più rispetto a molte altre spiagge delle Maldive che ho visitato.

Alloggi a Rasdhoo vicino alla spiaggia

Nonostante queste piccole attenzioni per il turista, devo però dire che l’effetto di “sperduta spiaggia da isola tropicale” l’ho avvertito non appena l’ho vista: se ho un così bel ricordo di Rashdoo lo devo sicuramente alla sua spiaggia, un piccola angolo di Paradiso che consiglio a chiunque ami il mare, un mare di quei colori che solo le Maldive sanno regalare. 🙂

L'ombreggiata bikini beach di Rasdhoo
L’ombreggiata bikini beach di Rasdhoo

 

Dal punto più a Sud della spiaggia, il fondale degrada piuttosto lentamente tanto che per chiunque è possibile accedere al mare: chi vuole nuotare potrà farlo allontanandosi un poco dalla riva, chi vorrà semplicemente rinfrescarsi le gambe potrà farlo senza difficoltà (se non per alcuni pezzi di corallo sulla battigia, ma questo è tipico delle spiagge alle Maldive).

Passeggiando infine da Sud, lungo la spiaggia, sino al lato Este dell’isola: i colori del mare sono a dir poco incredibili e la passeggiata, seppur breve, regala scorci di Maldive da cartolina.

Barriera corallina

Una domanda che mi viene sempre fatta in merito a queste isole di pescatori riguarda lo stato della barriera corallina e la semplicità con cui si possa a questa accedere.

Ora, parlare di una vera e propria barriera corallina (o reef) con un fondale che degrada lentamente non è proprio corretto… ma il canale tra la bikini beach a Sud di Rasdhoo e l’isola resort di Kuramathi favorisce il transito di pesci tropicali, tartarughe e squaletti, squaletti che è possibile avvistare anche passeggiando a riva.

Dalla spiaggia noterai un palo in legno che emerge dall’acqua: nuota sino a li. 🙂

Fai attenzione a nuotare in direzione del canale: la corrente è forte e ti consiglio pinne corte da snorkeling come queste oltre che ad una maschera per respirare sott’acqua.

Se però di barriera corallina dobbiamo parlare è rovinata, come lo è in tutte le isole di pescatori delle Maldive che ho visitato. Lo dirò all’infinito: vuoi l’innalzamento delle temperature e il conseguente – ahinoi – sbiancamento dei coralli, vuoi la noncuranza degli abitanti delle isole, i colori dei fondali sono spenti e i coralli per lo più morti. Questo però non significa che una volta indossata maschera quello che troverai sott’acqua ti deluderà, soprattutto se è una prima volta in un mare tropicale, di Rasdhoo non te ne dimenticherai facilmente.

 

Escursioni

Ho scelto Rasdhoo tra le isole dell’atollo di Ari Nord per alcune ragioni. Innanzitutto per lo Shallow Laguna Rasdhoo, per il suo rapporto qualità prezzo e per la gentilezza del suo staff che subito ho notato dai primi “contatti”.

Il mio alloggio a Rasdhoo

Rasdhoo poi, per la posizione nell’atollo di Ari Nord, mette a disposizione dei suoi visitatori innumerevoli possibilità di escursioni, soprattutto per gli amanti delle immersioni grazie ai molti spot nei paraggi. Una volta sul posto però mi sono accorta che questo è sia un PRO che un CONTRO, ora ti spiego.

Spot per il diving a Rasdhoo e atollo di Ari Nord
Gli spot per escursioni e diving a Rasdhoo e dintorni

 

Tra gli aspetti positivi di una vacanza in un’isola di pescatori delle Maldive vi è il costo delle escursioni: costano meno che nei resort e le attività svolte sono sempre le stesse, senza troppe distinzioni.

Proprio per la grande varietà di luoghi di immersioni, sono attivi sull’isola diversi dive center, più di quanti me ne aspettassi su di un’isola come Rasdhoo. L’idea che mi sono fatta – magari mi sbaglio, eh 🙂 – è che questo ha fatto si che l’isola sia meta di molti sub, sub abituati a spendere cifre piuttosto significative per le immersioni (a causa del costo di muta e bombole).

Questo però credo abbia fatto alzare i prezzi delle “normali e solite escursioni”, in alcune strutture di molto maggiori rispetto a quello che ho trovato in altre isole come Dhiffushi. Faccio un esempio.

Proprio a Dhiffushi l’uscita in mare ad una sand bank (isola di sabbia nel mezzo dell’oceano) ha un costo di circa 40 Dollari americani a persona: vai al molo, in barca ti portano su questa lingua di sabbia a 15-20 minuti dall’isola di partenza, trascorri un paio d’ore e rientri (se l’escursione prevede il pranzo il costo aumenta). Sono riuscita a pagare questa escursione solo 20 Dollari a persona, perché dopo aver fatto gruppo con altri italiani sul posto ci siamo presentati come “gruppo” ottenendo uno sconto.

A Rasdhoo questo non è stato possibile. Prima di tutto le strutture si sono accordate tra loro per offrire le escursioni solo ai loro clienti (quindi non è possibile svolgere escursioni con altre strutture o organizzarsi con altri turisti, a meno che questi non pernottino nella tua stessa struttura). Inoltre il prezzo dell’uscita alla sand bank di Rasdhoo (che vedi qui sotto in foto) organizzata dalla Shallow Laguna e con pranzo incluso (questo, va detto, a differenza di quanto ho fatto a Dhiffushi) ha un costo di partenza di ben 150 Dollari americani a persona, decisamente esagerato. Mi sono stati chiesti 60 Dollari a persona per una vista alla sand back senza pranzo; anche in questo caso un’esagerazione!

Mi è stato spiegato che i costi sono elevati anche per chi le escursioni le propone (affitti delle barche e costo del carburante sono alle stelle), ma ho avuto l’impressione che le escursioni a Rasdhoo siano oggettivamente meno convenienti per il turista rispetto ad altre isole.

Ti lascio qui i prezzi di tutte le escursioni proposte dallo Shallow Laguna Rasdhoo: una volta sul posto, mi raccomando, contratta, contratta sempre!

A titolo di confronto ecco il listino prezzi del Club Gabbianoecco il listino in PDF. Sono più contenuti, ma “tasse escluse”.

Marta Impiegata Giramondo sull'isola di sabbia vicino a Rasdhoo
Escursione all’isola di sabbia vicino a Rasdhoo

Nella foto qui sopra mi vedi alla sand bank di Rasdhoo. Per una serie di fortune / sfortune, l’escursione mi è stata offerta dallo Shallow Laguna Rasdhoo (mai avrei pagato 60 Dollari per prendervi parte): io e Marcello abbiamo dovuto cambiare stanza durante il nostro soggiorno e per questo “disguido” la gita alla sand bank ci è stata offerta. Purtroppo la foto non rende giustizia ai colori del mare di queste isole di sabbia che emergono con la bassa marea.

 

Dove mangiare

Localini e ristoranti dove mangiare sull’isola non mancano, come non mancano piccoli market per acquistare stuzzichini (si trova veramente di tutto: patatine e snack come in un qualsiasi nostro supermercato) o frutta.

Qui ti accorgerai che il costo della vita è inferiore rispetto a quello che è in Europa e il bello di vivere queste isole di pescatori è anche il poter pranzare o cenare spendendo solo 10 o 15 Euro a persona: abbondanti piatti tipicamente asiatici come nasi goreng o mie goreng li troverai sui menù dei ristoranti anche a meno di 5 Euro a porzione; bottiglia d’acqua da un litro e mezzo servita al tavolo a 1 Euro; un mojito analcolico (niente alcol, siamo in un paese mussulmano) a meno di 4 Euro nel bar “più local“.

Troverai sull’isola anche locali più curati nell’aspetto e un poco più occidentali (come il Lemon Drop di cui tra poco ti parlerò): qui i prezzi sono maggiorati di qualche Dollaro rispetto alle attività commerciali più spartane e frequentate maggiormente dagli abitanti di Rasdhoo.

È per questo dico che con un buon volo e un alloggio a 35/40 Euro al giorno e una spesa di 20/25 Euro ai pasti le Maldive in fai da te possono essere una meta economica.

Marta Impiegata Giramondo a Rasdhoo all'ingresso del ristorante Lemon Drop
Eccomi all’ingresso del ristorante Lemon Drop

 

Il Lemon Drop è, a mio avviso, il migliore ristorante dell’isola, sia per la cucina che per il rapporto qualità/prezzo. Troverai locali con piatti più economici rispetto al menù del Lemon Drop, ma “troppo asiatici” o semplicissimi: il Lemon Drop per me è il giusto compromesso e non a caso il mio preferito.

Del Club Gabbiamo ti ho già parlato. L’ultimo piano di questa struttura è un ristorante con terrazza panoramica aperto a tutti e non solo agli ospiti che qui alloggiano. Il nome del ristorante è Tramonto, proprio per la meravigliosa vista che da qui si gode al calar del sole. I prezzi sono di 2/3 Dollari sopra la media delle altre strutture di pari livello come il Lemon Drop, ma la vista ripaga.

Lo ripeto anche qui dato che si parla di cibo: le Maldive sono un paese mussulmano e non troverai alcolici in vendita, ne nei mini-market e neppure nei bar e ristoranti: l’alcol è vietato. L’unica soluzione, anche per bere una semplice birra, è prendere parte ad una escursione (chiamiamola così) all’isola resort di Kuramathi. Non occorre fermarsi una notte al resort (anche se un’occhiata su Booking in cerca di una offerta last-second io fossi in te la darei): queste strutture organizzano una sorta di “gita in giornata” dalle vicine isole di pescatori, offrendo quindi la possibilità di consumare bevande alcoliche.

 

SIM, internet e bancomat ATM a Rasdhoo

Ho parlato spesso di prezzi in Dollari americani perché è come sono per lo più presentati ai turisti, ma a chi mi chiede come conviene pagare alle Maldive rispondo sempre “prelevando denaro contante sul posto dagli ATM con il proprio bancomat“. L’unica accortezza che devi avere è verificare che la tua banca non applichi qualche commissione eccessiva ai prelievi extra-Europa.

Pagando in rupie delle Maldive avrai i prezzi migliori e più convenienti.

La banca con ATM di Rasdhoo
La banca (con ATM) di Rasdhoo

 

Gli sportelli ATM di Bank of Maldives si trovano ormai sulla maggior parte di queste isole di pescatori e, allo stesso modo, forse per attirare famiglie con bambini, tutte le isole con guest house delle Maldive, hanno anche un parco giochi e quello di Rasdhoo è particolarmente curato, come vedi qui sotto in foto (si trova lungo la via principale dell’isola, quella a Ovest e che dal porto conduce a Sud dell’isola verso la bikini beach).

Il parco giochi di Rasdhoo
Il parco giochi di Rasdhoo

 

Per quanto riguarda la connessione internet, la maggior parte delle strutture sono dotate di WiFi, ma se proprio vuoi avere la certezza di non avere problemi con WhatsApp e gli altri servizi web ecco che acquistare un SIM locale che troverai appena usciti dall’aeroporto di Malé è la soluzione migliore (ne ho parlato nell’approfondimento SIM o eSIM internet alle Maldive).

Se il tuo telefono dispone di eSIM (SIM virtuale) hai anche la possibilità di acquistare online una eSIM Airalo per il tuo viaggio alle Maldive: con qualche decina di Euro avrai una connessione appena l’aereo atterrerà.

 

Opinioni

È sempre difficile esprimere un’opinione su isole come Rasdhoo. Ho incontrato una coppia di italiani che ci fa ritorno da 4 anni; al contrario io preferisco cambiare e muovermi, anche per poter avere un metro di paragone tra le varie isole. È per questo che qui consiglio una sosta di 4 o 5 notti per poi spostarsi su di un’altra isola come ad esempio la vicina Mathiveri (lo ammetto la mia preferita, ma solo “cambiando isola” potrai valutare PRO e CONTRO di ciascuna).

Sicuramente Rasdhoo la consiglio agli amanti delle immersioni, sia per i tanti dive center che per i tanti spot facilmente raggiungibili proprio dalla “base” di Rasdhoo. Ci tornerei? Dato che qui sono già stata in un nuovo viaggio alle Maldive sicuramente proverei un’altra destinazione, ma il mio soggiorno qui è stato piacevole e mi sento di consigliarla a chi cerca un’isola non troppo piccola, una buona soluzione per una prima volta alle Maldive in fai da te e da abbinare ad un’altra nello stesso atollo.

Il mio alloggio a Rasdhoo

Ovvio, se cerchi una settimana di totale relax Rasdhoo e la sua bikini beach saprà offrirtela, ma – per il tipo di viaggiatore che sono io – ho preferito la ancora più piccola Mathiveri.

Che altro dire? 🙂 Per qualsiasi domanda o dubbio scrivimi qui sotto nei commenti, su Instagram oppure alla mia pagina Facebook.

Rasdhoo, Maldive: consigli di viaggio, recensione e opinioni

Articolo valutato 5.00 / 5 da 12 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 commenti a “Rasdhoo, Maldive: consigli di viaggio, recensione e opinioni

  • 12 Marzo 2024

    Ciao Marta,
    sto programmando una vacanza alle Maldive per Agosto. Sono indecisa tra le isole di Thinadhoo di cui ho letto la tua recensioni e l’isola di Dhigurah (atollo Ari sud): hai visitato o conosci quest’ultima? Inoltre volevo chiederti se si può fare l’escursione per vedere le mante da Thinadhoo. Grazie

    Rispondi
    • Marta
      12 Marzo 2024

      Ciao Marianna,
      purtroppo non conosco Dhigurah: nell’atollo di Ari Sud sono stata a Mahibadhoo per nuotare con gli squali balena, ma non è un’isola che consiglio per una prima volta alle Maldive in fai da te. Io ho scelto Mahibadhoo (e non Dhigurah o Maamigili, che avevo preso in considerazione) perché tra tutte dell’atollo di Ari Sud era quella con alloggi più economici e, a tutti i costi, volevo nuotare con gli squali balena. 🙂

      Per Thinadhoo ti confermo che è possibile prendere parte all’escursione con le mante.

      Un saluto,
      Marta Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 11 Febbraio 2024

    Ciao Marta,
    sto organizzando il mio primo viaggio alle Maldive basando praticamente tutte le scelte sul tuo blog! 😀

    Avremo a disposizione 2 settimane tra fine Marzo e inizio Aprile e mi chiedevo se fosse verosimile pensare a un itinerario Malé – Rasdhoo – MathiveriDhiffushi.
    È fattibile?

    Altra domanda: nelle spiagge pubbliche, coprendo tutto il corpo, è possibile la balneazione?

    Rispondi
    • Marta
      11 Febbraio 2024

      Ciao Ester,
      si, in 2 settimane è fattibile: il problema del cambiare atollo è che dovrai prendere qualche speed boat in più e così facendo i costi aumenteranno. Mi spiego.

      Da Malé a Rasdhoo ti sposterai con barca veloce al costo di 35 Dollari americani a persona.
      Da Rasdhoo a Mathiveri io mi muoverei con traghetto lento: viaggio lungo, ma “sostenibile” e dal costo irrisorio.

      Da Rasdhoo dovrai tornare a Malé in speed boat e qui, “incastrando” le coincidenza, potrai spostarti a Dhiffushi con un’altra speed boat.

      Io preferisco raggiungere un atollo in speed boat e poi, tra le isole dell’atollo, muovermi coi traghetti lenti (per risparmiare sugli spostamenti “interni”), ma nessuno ti vieta di seguire l’itinerario che proponi. 🙂

      PS: è possibile raggiungere gli atolli anche con i traghetti lenti, ma sono viaggi lunghissimi (4/5 ore e più) che io non ho mai intrapreso.

      Un saluto,
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi