Coronavirus, Dubai e Abu Dhabi: posso andare negli Emirati Arabi?

Posso andare a Dubai o ad Abu Dhabi in tempi di COVID-19? Cerchiamo di rispondere a questa domanda e chiarire l’attuale situazione negli Emirati Arabi Uniti dettata dal Coronavirus, soprattutto per dare informazioni utili ai viaggiatori fai da te come me.

Innanzitutto va ricordato, come ben evidenziato sul sito della Farnesina, che fino a nuove disposizioni non è ancora possibile lasciare l’Italia per recarsi per viaggi di piacere (quindi per turismo) a Dubai o negli Emirati Arabi (trovi un approfondimento qui: viaggi extra UE), questo almeno fino al 30 Luglio 2021, ma è molto probabile che il divieto venga esteso.

A causa del COVID-19 l’apertura di Expo Dubai 2020 è stata posticipata di un anno ed è stata fissata per il 1° Ottobre 2021. L’Expo proseguirà sino al 31 Marzo 2022. Nel caso volessi recarti a Dubai per questo grande evento ti consiglio di leggere l’approfondimento dove alloggiare a Dubai, troverai informazioni utili.

Vuoi sapere appena sarà possibile viaggiare negli Emirati Arabi dall’Italia? Iscriviti al mio Canale Telegram: riceverai una notifica appena sarà possibile raggiungere nuovamente Dubai per turismo.

Dubai mare: com’è?

 

Coronavirus e Dubai: posso andare negli Emeirati Arabai oggi?

 

Si può andare a Dubai oggi ?

Gli Emirati Arabi non hanno perso tempo nella lotta al COVID-19 e velocemente le autorità governative hanno creato standard e protocolli che possano permettere una rapida ripresa del flusso turistico.

Non a caso infatti Dubai ha ricevuto il bollino Safe Travels (che possiamo tradurre in “destinazione sicura”) dal World Travel & Tourism Council (WTTC) già nell’estate 2020.

Il paese infatti si è subito impegnato nell’attuare un programma anti-COVID a livello nazionale che ha visto all’opera un piano di igienizzazione dei luoghi pubblici oltre che misure di distanziamento sociale e messa in sicurezza dei mezzi di traporto.

Dubai inoltre ha lanciato un programma di certificazione per tutti gli hotel e strutture ricettive, oltre che per ristoranti, attrazioni ed ogni esercizio commerciale al fine di garantire l’applicazione di rigidi protocolli per la prevenzione e la sicurezza delle persone.

Oltre a questo non posso non segnalare le iniziative di Emirates Airlines, compagnia di bandiera degli Emirati Arabi, volte ad ottenere elevati livelli di sicurezza per i passeggeri.

 

Ovviamente chi intende viaggiare a Dubai dovrà rispettare determinati requisiti, proprio per sottostare alle norme anti-COVID in vigore.

Stando al sito della Farnesina per i viaggiatori in ingresso a Dubai è obbligatorio:

  • possedere un’assicurazione sanitaria valida anche negli Emirati Arabi Uniti che copra spese legate al COVID-19 (quindi test, vitto e alloggio per un’eventuale quarantena e tutte le cure mediche necessarie, compreso il ricovero ospedaliero). A tal proposito ti consiglio l’approfondimento sull’assicurazione viaggio COVID di Columbus;
  • presentarsi all’aeroporto di partenza con i risultati di un test PCR COVID-19 negativo (il tanto nominato tampone) effettuato entro le 72 ore precedenti. Il test dovrà essere effettuato da un laboratorio (pubblico o privato) che possa rilasciare apposito attestato di validità;
  • compilare un’autocertificazione del proprio stato di salute, Health Declaration Form (qui il link per la compilazione) e un Quarantine Undertaking Form (qui il link per scaricarlo), forniti dalla compagnia aerea di bandiera Emirates. Non è chiaro se questo valga anche in caso se si acceda a Dubai con altri vettori, ma il consiglio è quello di procedere comunque alla compilazione. Il viaggiatore tramite questi moduli dichiarerà di non avere sintomi da Coronavirus e che sosterrà i costi derivati dall’insorgere della malattia oppure (ed ecco il motivo del punto precedente) di essere in possesso di un’assicurazione per coprire tutte le spese derivate dal COVID-19;
  • sottoporsi a misurazione della temperatura all’arrivo a Dubai ed, eventualmente, a nuovo test PCR. Nel caso in cui questo tampone restituisca esito positivo, gli interessanti saranno tenuti ad osservare una quarantena di 14 giorni secondo le indicazioni fornite sul posto;
  • scaricare sul proprio smartphone l’applicazione COVID-19 DXB (qui l’applicazione per Android, qui l’applicazione per dispositivi Apple  iOS);
  • attenersi durante il soggiorno alle misure previste per ridurre i rischi da contagio da COVID-19 (uso della mascherine, distanziamento di 2 metri, igienizzazione frequente delle mani).

In caso di dubbi il consiglio è sempre lo stesso: rivolgersi all’Ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Roma oppure al Consolato Generale degli Emirati a Milano.

Ricordo comunque che non è ancora consentito partire dall’Italia per gli Emirati Arabi Uniti per viaggi di piacere.

 

Si può andare ad Abu Dhabi in tempo di COVID?

Abu Dhabi, che ricordiamo essere la capitale degli Emirati Arabi, ha ufficialmente riaperto al turismo internazionale dal 24 Dicembre 2020 in seguito ad un andamento particolarmente positivo (solo lo 0,39%) di casi COVID-19 confermati sui test effettuati in loco.

Al turista è richiesto un test PCR (tampone molecolare) COVID-19 negativo effettuato entro 96 ore prima della partenza dal paese di provenienza.

Tuttavia occorre sottolineare che il turista che vuole recarsi ad Abu Dhabi ed accedere liberamente deve provenire da uno dei paesi incluso in una green list (qui il link per consultarla), lista in cui al momento l’Italia non rientra.

Al momento quindi la situazione è in divenire.

 

Voli Italia Emirati Arabi Uniti

Alla luce dei provvedimenti in vigore e qui sopra elencati, segnalo che i collegamenti aerei tra l’Italia e gli Emirati Abati sono ripresi con diverse destinazioni nel mondo, inclusi voli settimanali da Abu Dhabi e Dubai verso gli aeroporti italiani di Milano Malpensa e di Roma Fiumicino.

Tuttavia consiglio sempre di contattare la compagnia aerea prima della partenza per verificare le disposizioni in vigore.

Voli COVID test Emirti Arabi

Da segnalare che dall’1 Giugno 2021,sia dall’aeroporto di Roma Fiumicino che da Milano Malpensa, gli Emirati Arabi sono raggiungibili da voli COVID tested. Questo significa che tutti i passeggeri in arrivo dagli Emirati Arabi Uniti all’aeroporto di Malpensa o Fiumicino, già in possesso di un risultato negativo del test COVID richiesto 48 ore prima della partenza, potranno sottoporsi a un test rapido che, avente esito negativo, consentirà loro di non doversi sottoporre a quarantena.

 

Che altro aggiungere? Spero come tutti che questa situazione si risolva al meglio e il prima possibile e che si possa tornare serenamente a viaggiare verso Dubai o Abu Dhabi anche per turismo. Aggiornerò le informazioni su questa pagina appena mi sarà possibile, per tutto il resto mi trovi anche sulla mia pagina Facebook e su Instagram.

Coronavirus, Dubai e Abu Dhabi: posso andare negli Emirati Arabi?

Articolo valutato 5.00 / 5 da 4 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Hai dubbi o domande? Lascia un commento qui sotto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti a “Coronavirus, Dubai e Abu Dhabi: posso andare negli Emirati Arabi?

  • 17 Maggio 2021

    Ho prenotato con Wizz Air da Bari per Abu Dhabi a Capodanno e ho già pagato: devo preoccuparmi?

    Rispondi
    • Marta
      18 Maggio 2021

      Ciao Agostino,
      da qui a Dicembre tutto ancora può cambiare. Considera che in vista dell’EXPO di Dubai (che inizierà ad Ottobre) già ora si parla di voli COVID-free dall’Italia verso gli Emirati Arabi, quindi credo (ma è una mia ipotesi) che si possa sperare di poter raggiungere gli Emirati Arabi verso fine anno. Continua a seguire gli aggiornamenti su questa pagina e sul sito della Farnesina. 😉

      A presto,
      Marta Impiegata Giramondo

      Rispondi