Modulo localizzazione passeggero Digital PLF cos’è e come ottenerlo

Dal 24 Maggio 2021 a chiunque faccia ingresso in Italia è richiesta la compilazione obbligatoria del modulo di localizzazione del passeggero digitale, il dPLF (digital Passenger Locator Form).

Tale compilazione è prevista dall’Ordinanza del 16 Aprile 2021 ed è stata introdotta per tutti i viaggiatori (anche italiani) in ingresso in Italia e attraverso qualsiasi mezzo di trasporto (quindi non solo aereo, ma anche auto e treno).

Passenger Locator Form digitale (dPLF) europeo
Passenger Locator Form digitale (dPLF) europeo

 

Come compilare il modulo per entrare in Italia dall’estero

È il sito del Ministero della Salute a questo indirizzo a darci tutte le indicazioni del caso:

  • collegarti al sito https://app.euplf.eu/#/ 
  • segui la procedura guidata per accedere al dPLF
  • scegliere come Paese di destinazione Italia
  • registrati creando un account personale con user e password
  • confermare il tuo account tramite link che riceverai all’indirizzo di posta elettronica che hai indicato alla registrazione
  • compila ed invia il dPLF seguendo la procedura indicata

Terminata la procedura riceverai, sempre al tuo indirizzo email, il dPLF in formato pdf e QRcode che dovrai mostrare direttamente dal suo smartphone al momento dell’imbarco o all’ingresso in Italia.

In caso di volo aereo dovrai necessariamente richiedere il dDFL prima dell’imbarco.

Compilazione modulo localizzazione passeggero europeo
Compilazione modulo localizzazione passeggero europeo

 

Modulo di localizzazione passeggero per bambini

È necessario compilare un modulo per ciascun viaggiatore adulto in ingresso in Italia.

Per i bambini (minorenni) la compilazione del dPLF sarà effettuata tramite la compilazione del modulo dell’’adulto accompagnatore.

Accettazione modulo localizzazione passeggero

 

Sito ufficiale dPLF

Collegati al sito https://app.euplf.eu/#/ per compilare il dPLF per l’ingresso in Italia.

Modulo localizzazione passeggero Digital PLF cos’è e come ottenerlo

Articolo valutato 5.00 / 5 da 8 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Hai dubbi o domande? Lascia un commento qui sotto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 commenti a “Modulo localizzazione passeggero Digital PLF cos’è e come ottenerlo

  • 5 Giugno 2021

    Io ho tentato di inviarlo, ma pur avendo compilato esattamente data e ora di partenza mi da errore senza alcuna spiegazione e non posso continuare. Forse è ancora presto perché il mio volo parte fra 4 giorni? Nessuna spiegazione se non molto generica sui tempi di compilazione e di invio.

    Rispondi
    • Marta
      7 Giugno 2021

      Ciao Pietro,
      purtroppo non so esserti molto d’aiuto, non mi sono ancora trovata nella situazione di compilare per esteso un modulo digitale per entrate in Italia dall’estero.

      L’unico banale consiglio è di riprovare oggi e all’avvicinarsi della data del volo.

      Fammi sapere se riesci a risolvere, credo possa essere d’aiuto anche ad altri viaggiatori.

      A presto,
      Marta Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 26 Maggio 2021

    Avere il Green Pass è già una cosa in più rispetto al passaporto/carta identità, ma questo modulo è ancora peggio, vuol dire scoraggiare chi vuole venire in Italia. Poi il fatto che bisogna compilarlo online lo è ancora di più. Non tutti hanno confidenza con smartphone ecc… (penso agli anziani), poi il fatto di dovere mettere anche il posto dell’aereo è praticamente non semplice: mi auguro che accettino almeno una copia cartacea. Altra cosa non chiara: se vado all’estero, ipotizziamo in un paese UE, compilo questo modulo e, al rientro in Italia, lo devo compilare ancora anche se sono residente?
    Che fine ha fatto l’accordo di Schengen?

    Rispondi
    • Marta
      26 Maggio 2021

      Ciao Luca,
      da quel che ho letto si tratta di un documento europeo al quale, per prima, l’Italia ha “aderito”. Seguiremo gli sviluppi futuri.

      In merito alla difficoltà nel compilarlo concordo, ma inoltre leggevo che chi non fosse provvisto di smartphone (può capitare) potrà sostituirlo con una “versione cartacea”.

      Sicuramente è una ulteriore complicazione da tenere bene in considerazione quando torneremo a viaggiare liberamente al di fuori dell’Italia e dell’Europa.

      Marta

      Rispondi