Zanzibar sicurezza: pericoloso per un viaggio?

Zanzibar è una meta sicura? Per me la risposta è si, tanto che da averci organizzato più di un viaggio in fai da te.

Questo però non significa che possiamo permetterci dei comportamenti poco attenti, come mai faremmo a Milano la sera in stazione. Anche a Zanzibar, come in ogni altro Paese dove la povertà è un problema per molti, è quindi il caso di fare sempre e comunque attenzione ed evitare certi comportamenti. Provo a spiegarmi.

Cercando in internet di aggressioni a Zanzibar troverai sicuramente qualche brutta (bruttissima) notizia, ma questo capita in ogni parte del Mondo e fortunatamente a Zanzibar sono casi isolati ma che, inevitabilmente, avvengono soprattutto al fine di furto.

Consigli su dove dormire a Zanzibar

Quelli che mi sento di darti quindi sono i soliti consigli validi non solo per un viaggio a Zanzibar, ma per qualsiasi altra destinazione:

  1. non indossare gioielli e orologi costosi e vistosi
  2. non ti addentrare, soprattutto la sera e in solitaria, in vie poco turistiche o poco illuminate
  3. la sera evita camminate in spiaggia e in solitaria (di giorno le spiagge sono frequentate da tantissime persone)
  4. indipendentemente dalla questione “sicurezza a Zanziabr”, non partire mai per un viaggio in fai da te senza un’assicurazione viaggio che risponda in caso di disavventure

Come in ogni luogo è quindi il buonsenso a dover dettare i nostri comportamenti.

Indipendentemente da quello che è il mio pensiero su Zanzibar, non viaggiare mai all’estero in fai da te senza un’assicurazione viaggio. Sottoscrivendo una polizza Columbus per viaggiare a Zanzibar e utilizzando il codice sconto TBG033 riceverai uno SCONTO del 10%

 

Viaggiare sicuri a Zanzibar

Indipendentemente da quelle che sono le “sensazioni” che da viaggiatrice ho vissuto a Zanzibar, è chiara la volontà da parte del governo tanzaniano di “legalizzare” e “mettere in sicurezza” il più possibile l’isola a tutela dei turisti. Non è un caso che negli ultimi anni il governo abbia dato la possibilità di richiedere il visto per Zanzibar online, questo per ridurre il fenomeno della clonazione delle carte di credito e della corruzione in aeroporto e, per le stesse ragioni, ha regolamentato l’attività di guide turistiche dei beach boys tramite un vero e proprio sistema di licenze ed autorizzazioni.

Insomma un Paese, sicuramente più sicuro di altri, comunque povero, ma in via di sviluppo (almeno turistico) e che si sta operando per esserlo sempre di più e meglio. Anche per questo consiglio a tutti di recarsi a Zanzibar, magari… con i consigli che trovi qui sul mio blog! 🙂

Zanzibar sicurezza: pericoloso per un viaggio?

Articolo valutato 5.00 / 5 da 1 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.