Escursioni a Zanzibar: quali da fare? Costo e consigli

Cosa fare a Zanzibar? Semplice, escursioni alla scoperta dell’isola. 🙂 Qui di seguito troverai le migliori escursioni da fare (non tutte te le consiglio), i costi e qualche “trucco” per risparmiare e viverle al meglio: partiamo!

Zanzibar è rinomata per le mille sfumature del mare, per le spezie e i sapori di Stone Town e per i sorrisi e la cordialità degli zanzibarini: per vivere tutto ciò il modo migliore è quello di girare in lungo e in largo l’isola. Dato però che come tutti non ho mesi di vacanza a disposizione, ho voluto ridurre al minimo gli imprevisti e per farlo ho preferito organizzare tutto già da casa: spostamenti, alloggi e soprattutto le escursioni grazie ad un’agenzia locale di cui tra poco ti parlerò.

Contattare un’agenzia locale autorizzata è sicuramente il modo migliore (e più sicuro) per fare le escursioni a Zanzibar e risparmiando non poco rispetto ai prezzi dei resort, decisamente elevati e nonostante al turista venga offerta la stessa identica esperienza.

Escursioni da fare a Zanzibar
Escursioni da fare a Zanzibar

 

Migliori escursioni da fare a Zanzibar

Le escursioni da fare a Zanzibar sono quelle di cui tra poco ti parlerò (una ad una!), ma ricorda che:

  1. potrai prenotarle ovunque una volta sull’isola (spiaggia, hotel o guesthouse), ma anche concordarle come ho fatto io dall’Italia prima di partire. Quel che deve esserti chiaro è che (salvo escursioni private e “su richiesta”) l’esperienza offerta in un’escursione organizzata da un’agenzia turistica zanzibarina, da una struttura come un hotel o un villaggio oppure dai beach boys (parleremo anche di loro) è la stessa. Non è raro infatti imbattersi in turisti provenienti dai resort, vivere la stessa esperienza con chi l’ha acquistata da una guida locale, ma a prezzi ben inferiori;
  2. le escursioni possono variare nella forma o nella modalità o nel luogo di partenza, soprattutto a seconda di dove alloggerai: ad esempio se alloggi a Nord, per raggiungere l’atollo di Mnemba, potrai andare in pulmino la spiaggia di fronte all’isola (cosa che ti consiglio) oppure di partire dal villaggio di pescatori di Nungwi in barca (non ti preoccupare, tra poco ti racconterò tutto nei dettagli). Inoltre la stessa escursione può essere venduta con pranzo incluso oppure con ritorno all’alloggio nel mezzogiorno: questo influisce sia sul costo che, ovviamente, sulla durata dell’escursione, informati bene;
  3. alcune escursioni possono essere “unite”, per questo sentirai parlare di Nakupenda + isola delle tartarughe giganti (è un’unica escursione, solitamente “non divisibile”) oppure bagno coi delfini a Kizimkazi + visita alla Jozani Forest (queste possono “dividere” nel caso ti interessi solo una delle due);
  4. nel caso soggiornassi in due zone dell’isola (io l’ho fatto dormendo a Nord a Nungwi alla Makofi Guest House e sulla costa Est a Paje al Kinazi Upepo) potrai sfruttare le escursioni per spostarti sull’isola, partendo al mattino dal tuo alloggio al Nord e, terminata l’escursione, farti accompagnare presso un’altra al termine della giornata (e senza sovrapprezzo!): molto comodo.

Ora veniamo ai costi.

Costo escursioni Zanzibar 2022

Ma quanto costano le escursioni a Zanzibar? I prezzi sono piuttosto standardizzati, ovvero toli  i prezzi esagerati chiesti da resort, villaggi turistici e dai beach boys che solitamente provano prima a vendere a prezzi altissimi per poi abbassare il prezzo anche del 50 o 60% dopo la contrattazione (a Zanzibar contratta sempre!), le agenzie locali e guide autorizzate applicano più o meno gli stessi prezzi che sto per indicarti. Il consiglio a Zanzibar è sempre lo stesso: sentire più campane, contrattare (soprattutto rivolgendosi ad una sola agenzia e in un gruppo di persone riuscirai sicuramente ad ottenere uno sconto) e chiedere cosa è compreso nell’escursione (trasporto, pranzo, ecc…).

Costo beach boys escursioni a Zanzibar

Sulle escursioni coi beach boys di Zanzibar spendo qualche parola in più. Le spiagge dell’isola, soprattutto nei pressi dei grandi resort, pullulano di ragazzini a caccia di clienti e contrattando riuscirai a strappare loro buoni prezzi per le escursioni, io però te li sconsiglio. Perché?

Prima di tutto perché la maggior parte di loro sono lavoratori in nero, non autorizzati e (non tutti, va detto) poco affidabili. Oltre a penalizzare quindi il comparto turistico zanzibarino delle agenzie locali che pagano le tasse e che sostengono lo sviluppo dell’isola (ricordo che la Tanzania è un Paese povero), non avrai alcuna garanzia o sicurezza data dal ragazzo che ti venderà l’escursione. I beach boys infatti non sono altro che procacciatori di escursioni e non se ne occupano in prima persona: se qualcosa va storto non saranno loro certo a risponderne.

Come già ho scritto, io ho preferito organizzare tutto dall’Italia con il provvidenziale aiuto di una guida locale autorizzata. Perché pagare la stessa cifra con un beach boys, quando puoi ottenere lo stesso servizio rivolgendoti a chi l’escursione di fatto la organizza e con maggiori garanzie?

Ecco allora che ti consiglio di contattare già dall’Italia Ali Boni e il suo Sasà Tour (www.sasaatours.com), io mi affido sempre a luio. Trovi Ali Boni anche su Facebook, dovrebbe risponderti piuttosto in fretta anche se nei periodi di alta stagione potresti dover insistere parecchio: digli che hai letto di lui sul blog di Marta! 🙂

In alternativa un’altra guida autorizzata e molto molto apprezzata (personalmente però non la conosco) è Edoardo Chaby: è facile imbattersi nel suo nome frequentando gruppi e forum su Zanzibar e cercando informazioni in internet sulle escursioni sull’isola: affidabile, bene organizzato e sempre disponibile.

Ora però veniamo alle escursioni.

 

Zona migliore dove alloggiare a Zanzibar

 

Isola di Mnemba: snorkeling a Zanzibar

Dici Zanzibar e pensi mare. Quindi cosa fare a Zanzibar se non un’uscita in mare? 🙂

Da Nungwi, villaggio a Nord dell’isola dove ho alloggiato alla Makofi Guest House, partenza alle ore 8 del mattino in pulmino. In un’ora di tragitto ho attraversato l’isola in larghezza per giungere al mare di fronte all’isola privata di Mnemba. Mnemba è sede di un resort di lusso e non vi si può attraccare: una barca ti condurrà di fronte all’isola per un pò di snorkeling. I colori del mare di Zanzibar sono incredibili, ma ho visto fondali marini più ricchi di vita: è comunque un’esperienza che consiglio se non hai mai nuotato in un mare tropicale.

Tornati in barca l’escursione prosegue e qui viene il meglio: la marea ritirandosi fa emergere una lingua di sabbia proprio di fronte a Mnemba: credo di non aver mai visto un’acqua tanto limpida e cristallina e tante sfumature di blu e azzurro in una sola volta! WOW

Prezzo: 40 Euro a persona. Consigliata.

L’escursione con Ali Boni termina qui, con rientro a Nungwi nel primo pomeriggio. Ho visto altre compagnie attrezzarsi per un pranzo sull’isola di sabbia a base di pesce (quello che Ali Boni propone nelle due escursioni che seguono).

Isola di sabbia all'atollo di Mnemba
L’isola di sabbia che emerge con la bassa marea attorno all’atollo di Mnemba

Puoi effettuare questa escursione anche con partenza in barca dalla spiaggia di Nungwi, o da Kendwa, ma in barca (barca a motore o dhow, le tipiche imbarcazioni zanzibarine) il tragitto richiederà tra le 2 e le 3 ore: meglio informarsi ed evitare se soffri il mare. In barca il costo è dovrebbe scendere intorno ai 30 Euro a persona.

 

Escursione a Nakupenda e all’isola delle tartarughe giganti

Da Nungwi partenza in pulmino alle 8 del mattino con rientro intorno alle 17. La meta? Prison Island (l’isola delle tartarughe) e la lingua di sabbia di Nakupenda entrambe “di fronte” a Stone Town.

Tartaruga gigante a Prison Island
Tartaruga gigante a Prison Island

Prison Island era in passato luogo di detenzione degli schiavi indisciplinati. Per raggiungerla verrai condotto al porto di Stone Town: l’isola è a circa 6 chilometri al largo, un breve tragitto in barca. La visita alle prigioni dura molto poco (è stata quasi deludente), ma l’isola è la casa di una colonia di tartarughe giganti delle Seychelles: una cosa che non si vede tutti i giorni. 🙂

Potrai passeggiare in mezzo a loro e accarezzarle… Ne saranno molto felici, provare per credere!

Terminata la visita alle tartarughe, la barca prosegue il suo tragitto in mare verso l’isola di sabbia di Nakupenda (anche in questo caso il tragitto è piuttosto breve e piacevole). Qui, mentre viene preparato il pranzo a base di pesce e crostacei (che incide sul costo dell’escursione), potrai godere ancora dei colori del mare di Zanzibar in un paesaggio da cartolina o fare un pò di snorkeling, alcuni dei nostri compagni di barca hanno visto una colonia di stelle marine – mi raccomando, non toccarle mai!

Prezzo: 50 Euro a persona. Consigliatissima anche se a Nakupenda troverai molti altri turisti.

 

Safari Blu Zanzibar

L’escursione Safari Blu Zanzibar è una delle più classiche da queste parti. Per me partenza al mattino intorno alle 8 con pulmino dal mio alloggio alla Makofi Guest House e rientro nel pomeriggio.

Ci si imbarca dalla spiaggia di Fumba (a Sud di Stone Town e dell’aeroporto – qui le indicazioni su Google Maps) in direzione isola di Kwale.

L’escursione comprende la sosta ad una lingua di sabbia (che vedi qui sotto in foto), pranzo a base di pesce sull’su Isola Kwale (attrezzata e molto turistica), visita al baobab gigante sull’isola, visita e snorkeling tra le mangrovie al rientro (mare permettendo).

Ti anticipo il prezzo per una considerazione: 50 Euro a persona.

Qui un incontro fortuito con due connazionali italiane mi ha permesso di capire la convenienza di aver organizzato le escursioni a Zanzibar con Ali Boni. Le ragazze hanno preferito una soluzione fai da te, recandosi al punto di partenza del Safari Blu sulla spiaggia dove hanno contrattato direttamente con i barcaioli riuscendo a strappare loro un prezzo di 40 Dollari a persona, ma a questo hanno dovuto sommare lo spostamento in taxi (andata e ritorno).

Si, è vero che spostandosi con un bus locali (i dalla-dalla) avrebbero potuto risparmiare ulteriormente, ma il passaggio di questi “bus” è del tutto casuale ed inoltre i tempi di percorrenza sono molto variabili e lunghi.

Inoltre io ho approfittato di questa escursione con Ali Boni per cambiare alloggio, spostandomi a fine giornata dalla Makofi Guest House di Nungwi al Kinazi Upepo di Paje senza alcun costo aggiuntivo (per approfondire leggi dove dormire a Zanzibar).

Veniamo all’escursione.

Come anticipato si tratta di una giornata in mare. Prima tappa una splendida lingua di sabbia corallina in mezzo all’oceano dove gusterai della frutta fresca e potrai fare snorkeling in un mare dalle mille sfumature di blu. Intorno a mezzogiorno la barca ti condurrà alla vicina isola di Kwale dove verrà servita una grigliata di pesce fresco. Sull’isola un baobab gigante: molto suggestivo. Al rientro, marea permettendo, l’imbarcazione attraverserà un canale di mangrovie.

Da buona amante del mare quale sono, il Safari Blu e l’escursione a Nakupenda sono tra le mie preferite.

Safari blu Zanzibar
Safari blu Zanzibar

Attenzione: se soggiornerai a Jambiani (zona che solitamente non consiglio) è possibile che ti venga proposta un’escursione chiamata Neverland, ma che altro non è che il Safari Blu. Dato che da Jambiani però l’attraversata in mare è lunghissima, in caso di mare agitato il viaggio sarà tutt’altro che piacevole: fai molta attenzione, io te la sconsiglio.

 

Dove alloggiare a Zanzibar?

 

Delfini a Kizimkazi e Jozani Forest

Attenzione: qui il “bagno coi delfini a Zanzibar” non mi è piaciuto, ora ti racconto.

Sveglia presto e partenza alle 5:30 da Paje per raggiungere la baia di Kizimkazi a Sud dell’isola, dove sono arrivata intorno alle 6:30 del mattino. Se mi fossi trovata a Nungwi lo spostamento in pulmino avrebbe richiesto molto più tempo.

Prenderai il mare su una piccola imbarcazione a motore alla ricerca dei delfini. Una volta avvistati, tante (anzi troppe!) barche partiranno al loro inseguimento e tu dovrai tuffarti in mare per nuotare con loro… Si viene quindi “ripescati” per poi ripartire subito all’inseguimento. Così per una decina di volte.

Si, ho fatto il bagno con i delfini ed è stato emozionante poterli osservare nel loro ambiente naturale a pochi metri di distanza, ma non sono così orgogliosa di raccontarlo: mi è sembrata una caccia al delfino, per loro piuttosto fastidiosa. A questo si aggiunge anche la pericolosità di nuotare a pochi metri da tante (guarda la foto) barche con tanto di eliche accese, senza giubbotti o alcuna altra norma di sicurezza.

Sicuramente non la consiglio a dei bambini o a chi non è un bravo nuotatore.

Le imbarcazioni a caccia di delfini
Le imbarcazioni a caccia di delfini

 

Bagno con i delfini a Kizimkazi, Zanzibar
Bagno con i delfini a Kizimkazi, Zanzibar

Terminata la gita in mare, prima di salire nuovamente in auto, ti consiglio una colazione alle bancarelle a base di chapati (ricorda la nostra piadina) preparato dalle donne del posto: buonissimo! 🙂

Al rientro eccoci alla foresta di Jozani, dove potrai ammirare le acrobazie degli unici esemplari di scimmie rosse di Zanzibar. Dato che le scimmie non vivono in cattività e che la foresta è piuttosto estesa è possibile che tu debba camminare un poco alla loro ricerca. Rientro per mezzogiorno.

Prezzo: 40 Euro a persona. La consiglio? Il bagno coi delfini non lo consiglio per le ragioni che ho indicato, mentre la visita alla Jozani Forest è simpatica e un’alternativa al “solito mare”. Ovviamente se sceglierai la sola visita alla foresta il prezzo sarà inferiore, considera che il biglietto d’ingresso ha un costo di 10 Dollari e include una visita guidata dalla durata di circa 2 ore, ma in inglese, tra foresta, zona dove vivono le scimmie rosse e palude di mangrovie (da visitare passeggiando su alcune passerelle in legno).

 

Stone Town e tour delle spezie

Con Ali Boni questa escursione si svolge solitamente nella seconda metà della giornata.

Verrai prelevato nel primo pomeriggio e condotto ad una piantagione di spezie. Qui una guida ti mostrerà le numerosissime spezie coltivate sull’isola. Vedrai e toccherai con mano la pianta e il frutto, la radice o la foglia. Vaniglia, noce di cocco, zenzero, noce moscata e molte altre spezie non hanno più segreti per me. Molto interessante!

Al termine immancabile l’acquisto di souvenir: bustine di spezie, essenza di vaniglia, the e aromi vari.

Un consiglio: troverai al mercato di Stone Town le stesse bustine con probabilmente gli stessi identici prodotti, ma senza l’indicazione della piantagione e del produttore, a prezzi molto inferiori… Se l’avessi saputo prima, gli acquisti li avrei fatti al mercato, ma come in ogni viaggio almeno una “fregatura” è d’obbligo! 😉

Dalla piantagione di spezie si passerà alla visita di Stone Town per un giro, accompagnato da una guida, per le vie della città attraverso il mercato di Darajani, terminando con un aperitivo al tramonto sul terrazzo dello Swahili House, un hotel che si affaccia sul lungomare della città.

Prezzo a persona 30 Euro.

La guida non è necessaria e sinceramente avrei preferito girare la città in autonomia, cosa che puoi fare.

L’accesso al mercato è libero e consentito anche ai turisti. L’unico consiglio che mi sento di darti è di non acquistare la merce utilizzando banconote di grosso taglio: paga con tagli piccoli o in moneta.

Inoltre l’edificio del mercato coperto in cui vengono venduti carne e pesce non è luogo particolarmente adatto ai deboli di stomaco… 😉

L’aperitivo al tramonto dallo Swahili House è molto suggestivo anche se caotico dato che la terrazza è affollata di turisti: puoi godere del tramonto anche sul lungomare con maggiore tranquillità o in altri hotel qui vicino con terrazza panoramica.

 

Cheetah’s Rock Zanzibar

Personalmente non ho mai visitato il Cheetah’s Rock di Zanzibar, ma parlo volentieri di questo centro di recupero e di cura degli animali selvatici.

Fondato nel 2014 da Jenny, il Cheetah’s Rock era solo un piccolo centro, ma anno dopo anno sta crescendo  grazie ai fondi raccolti dalle visite dei turisti. Qui la visita consente di venire a stretto contatto con grandi animali (tigri, leoni, iene), scimmie e lemuri, ma anche con cuccioli di cane abbandonati o che necessitano di cure mediche.

Si nota la serietà di questa struttura dalle piccole cose, come le regole per visitare il parco: si prega di non indossare repellenti per insetti, lozioni solari, dopobarba o profumi in quanto possono essere velenosi per i nostri animali.

Le visite non sono economiche (trovi i prezzi sul sito ufficiale, è solo da qui che si possono prenotare – non c’è altro modo per visitare il centro), ma è per una buona causa e quindi ho deciso di segnalarlo anche se qui sul mio blog cerco sempre di viaggiare risparmiando.

Come arrivare al Cheetah’s Rock di Zanzibar?

La struttura si trova a metà strada lungo la costa Ovest tra Stone Town e Nungwi (qui su Google Maps) e il bello è che saranno loro ad occuparsi del tuo trasferimento, gratuito sia all’andata che al ritorno, sia da e per lo stesso hotel oppure un’altra località. In altre parole: la visita al Cheetah’s Rock può essere l’occasione per spostarsi da una parte all’altra dell’isola (con deposito bagagli gratuito durante la visita).

Attenzione: l’ingresso è consentito solo ai maggiori di 15 anni d’età.

 

Acquari delle tartarughe a Nungwi

Pur non trattandosi di vere e proprie escursioni mi pare opportuno parlarti anche dei 2 “acquari a cielo aperto” di Nungwi (troverai le indicazioni passeggiando lungo la spiaggia, nella zona più a Nord) dove è possibile nuotare con le tartarughe. Uno è il Mnarani Marine Turtles Conservation Pond, un centro di recupero e di conservazione delle tartarughe marine e, poco distante da questo, il più “famoso e piccolo” Baraka Acquaruim dove l’acqua è più limpida (vedi la foto qui sotto). Qui le indicazioni su Google Maps per arrivare al Baraka Natural Aquarium.

Ora, non ho visitato nessuno di questi due “acquari” perché nuotare con tartarughe in cattività e fare foto con loro o dargli da mangiare non mi interessa. Non metto in dubbio la nobiltà dell’attività svolta da chi gestisce questi acquari allo scopo di preservare e aiutare questi animali, ma viste anche le foto che si trovano facilmente sul web, mi è sembrato tutto piuttosto triste e innaturale, soprattutto per la grande quantità di tartarughe che nuotano attorno ai turisti in costume da bagno.

Tartarughe al Baraka Natural Aquarium
Tartarughe al Baraka Natural Aquarium

Mi permetto: se vuoi contribuire alla sostentazione di questi animali potresti limitarti a visitare la struttura (pagando l’ingresso – 10 Dollari a persona per il Baraka Natural Aquarium) ed eventualmente rinunciare al bagno con le tartarughe: non è certo il bel mare che manca a Zanzibar e non è difficile imbattersi nelle tartarughe in mare aperto.

Se hai visitato uno dei due acquari di Nungwi e la tua esperienza è stata positiva, scrivimi nei commenti, mi farebbe piacere parlarne. 🙂

 

Snorkeling al Chumbe Island Coral Park

Il Chumbe Island Coral Park è una riserva naturale privata sulla piccola isola di Chumbe, al largo della costa di Zanzibar (circa 6 km da Stone Town) che comprende una barriera corallina protetta dove poter immergersi con maschera e boccaglio, una di foresta tropicale e un eco-lodge con bungalow con vista mare.

Zanzibar escursione Chumbe Island
Zanzibar escursione Chumbe Island

L’escursione è prenotabile solo contattando direttamente la struttura e in giornata. Solo quando non tutti i bungalow (che sono solo 6) sono prenotati, allora si darà accesso ai turisti.

Puoi scrivere via mail a info@chumbeisland.com (qui il sito ufficiale) oppure (e te lo consiglio) al numero WhatsApp +255 0777 413 232

Lo ripeto: non è un’escursione che i può prenotare in anticipo, ma – al più – in giornata (last minute).

Il costo dell’escursione al Chumbe Island Coral Park non è contenuto. 90 Dollari a persona (45 Dollari per i minori di 12 anni), ma che comprendono:

  • trasporto in barca sull’isola (dovrai arrivare in autonomia alla spiaggia da cui si parte)
  • snorkeling nel parco protetto (maschera e boccaglio ti verranno forniti)
  • ottimo pranzo a base di cucina zanzibarina tipica
  • visita guidata dell’isola lungo sentieri naturalistici.

Qui probabilmente potrai praticare lo snorkeling migliore di Zanzibar (ma – lo dico sempre – non aspettarti i colori o i pesci del Mar Rosso).

ATTENZIONE: per poter prendere parte a questa escursione occorre recarsi in autonomia alla spiaggia del Jungle Paradise Beach Resort & Spa (qui le indicazioni su Google Maps) a circa 15 minuti di taxi da Stone Town. La barca per l’isola d Chumbe parte alle 9:30 del mattino e il ritorno è per le 5:15 / 5:30 del pomeriggio.

 

Zanzibar escursioni consigliate

Spero di averti dato una buona panoramica su quel che questo magico luogo ha da offrire e arrivati fin qui spero di averti dato una risposta alla domanda “cosa vedere a Zanzibar?”. Se proprio dovessi consigliarti le escursioni che ho preferito direi il Safari Blu, Nakupenda e Mnemba. Stone Town puoi vistarla in autonomia, mentre il bagno coi delfini non mi sento di consigliarlo.

Ah, dimenticavo: se non soggiorni al Nord, probabilmente ti verrà proposta anche un’escursione a Nungwi: puoi raggiungere questa località in autonomia, magari con un taxi e approfittarne per una cena al Baraka, il miglior ristorantino sulla spiaggia. Dopo cena con un taxi potrai fare rientro al tuo alloggio.

Se già conosci l’isola e hai vissuto una di queste escursioni, ti andrebbe di parlarne con me nei commenti qui sotto? 🙂 Per qualsiasi dubbio o domanda non esitare a scrivere!

Escursioni a Zanzibar: quali da fare? Costo e consigli

Articolo valutato 4.68 / 5 da 68 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Rispondi a Marta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

76 commenti a “Escursioni a Zanzibar: quali da fare? Costo e consigli

  • 8 Giugno 2022

    Ciao,
    per il tour Safari Blu dove è meglio organizzarlo? Noi staremo 3 giorni a Zanzibar Town, 5 a Nungwi, 4 a Pongwe e 2 vicino Paje. Volevamo sfruttare i giorni a Zanzibar Town per fare le escursioni a Prison Island e Spice Tour, quindi sarebbe ideale fare il Safari Blu nei giorni in cui siamo negli altri posti e volevo sapere se sarebbe un problema di distanza.
    Grazie mille
    Saluti
    Danilo

    Rispondi
    • Marta
      10 Giugno 2022

      Ciao Danilo,
      anche il Safari Blu ti conviene organizzarlo nei giorni in cui siete a Stone Town perché da qui il tratto di strada è il più breve, altrimenti Paje. Il “problema” è che le strade sull’isola sono poche e devi per forza avvicinarti a Stone Town (e al suo traffico!) per recarti al Safari Blue. Potresti però chiedere all’organizzatore di caricare le valige sul pulmino per il trasporto e approfittare dell’escursione al Safari Blu ad inizio giornata per poi cambiare alloggio la sera (quindi l’escursione del Safari Blu sarebbe un’escursione a cui unire un trasferimento). 😉
      A presto,
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 6 Giugno 2020

    Ciao, stavo pensando di aggregarmi ad alcuni amici che andranno a Zanzibar, ma vorrei chiederti un parere: consigli di andarci anche a chi non sa nuotare oppure questa cosa è troppo penalizzante?
    Grazie

    Rispondi
    • Marta
      7 Giugno 2020

      Ciao Luca,
      domanda molto interessante la tua.
      Io non credo sia troppo penalizzante, dato che molte delle escursioni a Zanzibar consistono nel raggiungimento di sand bank, o ancora penso alla visita di stone town, alle piantagioni di spezie, alla foresta di Jozani, alle lunghe passeggiate, ai tramonti indimenticabili, allo yoga in spiaggia.
      Sono tantissime le attività da fare, ovviamente un bagno nelle cinquanta sfumature di blu del mare di Zanzibar è l’attrazione principale, ma essendo un’isola soggetta alle maree, potrai farlo tranquillamente anche senza saper nuotare. 😉
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 22 Gennaio 2020

    Cara Marta un’altra domanda.
    Conviene prenotare solo il pernottamento? Se prenoto anche i pasti in hotel,se faccio le escursioni pago per nulla, e vedo che i prezzi sono ovviamente per turisti, quindi non così bassi. Si riesce a pranzare e cenare in giro risparmiando qualcosa? La sera inoltre è rischioso uscire dall’hotel?
    Grazie,grazie!
    Ivana

    Rispondi
    • Marta
      22 Gennaio 2020

      Rieccomi Ivana,
      io ho prenotato solo pernottamento e colazione, per i pasti ho sempre trovato soluzioni più o meno economiche, per farti un esempio a Nungwi ho cenato a capodanno in spiaggia con pesce fresco alla griglia ad €10/15 a persona. 😉
      Per quanto riguarda le uscite la sera, noi ci siamo sempre spostati a piedi con una torcia e non ci siamo mai sentiti in pericolo o in difficoltà, ovviamente se viaggi da sola ti consiglio di cercare delle strutture in spiaggia per essere più tranquilla, come la Makofi Guest House. 🙂
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 22 Gennaio 2020

    Ciao all’inizio di marzo sarò a Zanzibar per 10 giorni. Potresti suggerirmi come fare a raggiungere Pwani Michangani dall’aeroporto?
    Dopo mi sposterei a Paje. Stesso problema, come faccio ad andarci? Il “fai-da-te” non mi spaventa, ma qui non so proprio come fare.. 10 giorni è meglio suddividerli in 2 o 3 tappe?
    Grazie per la tua gentilezza e disponibilità!!

    Rispondi
    • Marta
      22 Gennaio 2020

      Ciao Ivana,
      per gli spostamenti io mi sono rivolta ad Ali Boni (leggi come muoversi a Zanzibar), che puoi contattare su Facebook. 🙂
      Se hai a disposizione dieci giorni, io ti suggerirei di seguire il mio itinerario a Zanzibar (lo trovi qui) e suddividere il soggiorno tra nord e sud, per scoprire l’isola nella sua totalità. 🙂

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 5 Gennaio 2020

    Ciao Marta, domani partirò per Zanzibar con mio marito e una coppia di amici.
    Alloggeremo in un resort a Kiwengwa e naturalmente vorremmo fare diverse escursioni, vorrei seguire i tuoi utili consigli e sapere se è possibile contattare, una volta arrivati, l’agenzia di Ali Boni e come procedere.
    Grazie

    Rispondi
    • Marta
      5 Gennaio 2020

      Ciao Piera 🙂

      Trovi i contatti di Ali Boni sul sito della sua agenzia http://www.sasaatours.com oppure cerca su Facebook “Ali Boni Zanzibar”. Spero ti risponda e che tu possa organizzare le escursioni con lui perché in alta stagione è spesso sommerso dalle richieste…
      Buon viaggio a Zanzibar,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 3 Gennaio 2020

    Ciao,
    dovendo organizzare il mio prossimo viaggio a Zanzibar e avendo letto il tuo articolo ho deciso di contattate Ali Boni.
    Ti scrivo solo per farti sapere che pur avendo scritto più volte e da tempo, sia via mail che via Facebook, non ho ancora ricevuto alcun preventivo.
    Mi ha risposto semplicemente un paio di volte che lo avrei ricevuto, ma sto ancora aspettando.
    Questo mi fa pensare che non sia così ben organizzato come al contrario si evinceva nel leggerti.
    Credo che anche dovesse rispondermi ora non mi fiderei e affiderei a lui.
    Magari sono solo stata sfortunata.
    Però credo giusto che tu ne sia messa a conoscenza.
    Grazie per tutte le informazioni importanti.
    Buona giornata 🙂

    Rispondi
    • 22 Gennaio 2020

      Per le escursioni a Zanzibar puoi contattare anche su Facebook Gigi di Zanzibar. Io le ho fatte tutte con lui. Affidabile e soprattutto sa come e quando muoversi.
      Buona vacanza

      Rispondi
      • Marta
        22 Gennaio 2020

        Ciao Luca,
        grazie mille per il suggerimento, sono felice che arrivino altre informazioni sulle escursioni a Zanzibar per i futuri viaggiatori. 🙂

        Impiegata Giramondo

        Rispondi
    • 16 Gennaio 2020

      Se posso consigliarti per le escursioni a Zanzibar contatta Massimo di Zanzibar. Lo trovi su Facebook e sul gruppo A Zanzibar con Massimo. Consigliatissimo, onesto e affidabile.

      Rispondi
      • Marta
        16 Gennaio 2020

        Ti ringrazio Martina 🙂

        Non conosco personalmente Massimo, ma perché non provare a lasciare questo tuo suggerimento a disposizione per gli altri viaggiatori? 🙂 Tu con lui che escursioni hai fatto ?

        Impiegata Giramondo

        Rispondi
    • Marta
      3 Gennaio 2020

      Ciao Nicoletta,
      ti ringrazio per avermi informata, mi spiace molto. 🙁
      Credo che Ali Boni nei periodi di alta stagione sia particolarmente oberato di richieste e che, ahinoi, queste siano le spiacevoli conseguenze… La tua diffidenza è comprensibile, io posso solo confermarti nuovamente che con lui mi sono trovata benissimo.
      A presto e buon viaggio,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 6 Novembre 2019

    Ciao sono Roberta, a gennaio tornerò a Zanzibar e dovremmo fare qualche escursione che non abbiamo fatto la precedente volta. Ti chiedo un informazione per fare solo l escursione della foresta Jozani Forest quanto verrebbe? Noi alloggiamo a Nungwi. Vorremmo fare l escursione della foresta e poi andare a mangiare al ristorante The Rock. Grazie mille

    Rispondi
    • Marta
      7 Novembre 2019

      Ciao Roberta,
      prova a contattare Ali Boni su Facebook per sapere come varierebbe il prezzo. Io conosco solo i prezzi delle escursioni a Zanzibar che trovi qui sopra, per le variazioni devi contattare direttamente le agenzie locali. 😉
      In ogni caso non preoccuparti troppo: sono tutti molto disponibili ad accontentare ogni richiesta, sono una popolazione molto cordiale e accomodante.
      Se ti va scrivimi quando riceverai una risposta, così daremo assieme un’altra informazione ai viaggiatori.
      A presto,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 30 Ottobre 2019

    Buongiorno, partendo da Kendwa con l’escursione a Nakupenda poi ci lasciano a Stone Town dove vorrei alloggiare per una notte e partire per il giorno dopo per l’Italia? Grazie

    Rispondi
    • Marta
      30 Ottobre 2019

      Ciao Claudia,
      si certamente: potresti chiedere, prima dell’escursione a Nakupenda, di passare dal tuo hotel a Stone Town dove lasciare i bagagli. Terminata l’escursione puoi chiedere un passaggio sino all’hotel. A Stone Town non posso che consigliarti lo Zenji Hotel. 😉
      A presto,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 2 Ottobre 2019

    Inoltre, stiamo leggendo che tendenzialmente novembre non è un mese consigliatissimo per andare a Zanzibar. Tu cosa ne pensi?

    Rispondi
    • Marta
      3 Ottobre 2019

      Rieccomi Valerio,
      effettivamente novembre non è il mese migliore per andare a Zanzibar, però se vuoi guardare il bicchiere mezzo pieno: non è il periodo peggiore! 😉
      Detto questo, penso che se potessi andarci solo in quel periodo, io ci andrei lo stesso, anche se dovesse fare qualche acquazzone le temperature (comprese quelle del mare) saranno comunque alte e se dovessi scegliere preferirei beccarmi la pioggia mentre passeggio lungo la spiaggia di Zanzibar piuttosto che qui in città!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 2 Ottobre 2019

    Ciao Marta, io e la mia ragazza stiamo valutando di trascorrere 8 giorni a Zanzibar a fine novembre. Leggendo i tuoi interessantissimi articoli (per i quali ti ringrazio) stiamo prendendo in considerazione la struttura Kinazi Upepo Beach Hotel, che ci sembra un buon compromesso. Premesso che a noi piace girare e visitare quante più cose possibili, è consigliata come posizione? Partono escursioni da lì? Oppure ci consiglieresti di fare una vacanza itinerante cambiando diverse strutture? Ti ringrazio in anticipo!

    Rispondi
    • Marta
      3 Ottobre 2019

      Ciao Valerio,
      che meraviglia il Kinazi Upepo e Paje! 🙂

      Le escursioni partono da tutta l’isola, ovvero verranno a prenderti al mattino ovunque tu sia e ti riporteranno al tuo alloggio la sera. Ovvio che se da Paje vorrai andare a Nungwi la strada da percorrere non sarà poca. Per questo io ho preferito trascorrere al Nord qualche giorno, vivere Nungwi e alcune escursioni, poi spostarmi a Paje e partecipare alle escursioni a Sud dell’isola. Credo non vi sia soluzione migliore anche per assaporare le diversità tra la costa Est e il Nord di Zanzibar.

      A Paje dai un’occhiata anche all’Ananda Beach House, struttura che mi hanno segnalato degli amici che sono stati a Zanzibar quest’estate.
      A presto,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
      • 3 Ottobre 2019

        Grazie del prezioso consiglio, allora sicuramente valuteremo la possibilità di visitare entrambe le zone. Ultima domanda (spero di non averne approfittato 🙂 ) come consigli di spostarci dall’aereoporto a Nungwi e poi da Nungwi a Paje? Ti ringrazio ancora per la disponibilità!

        Rispondi
        • Marta
          3 Ottobre 2019

          Tranquillo Valerio,
          io adoro parlare di viaggi e sono felice di essere utile nella tua organizzazione. 🙂
          Per lo spostamento dall’aeroporto a Nungwi, io ti consiglio di concordarlo/prenotarlo prima di partire per Zanzibar, perché dopo un lungo viaggio in aereo vorrai arrivare il prima possibile al tuo alloggio. Potresti scrivere ad Aliboni (di cui parlo qui sopra nell’articolo) e potresti chiedere anche alla struttura dove pernotterai se effettua il trasferimento ed a che prezzo.

          Mentre per lo spostamento da Nungwi a Paje io ho approfittato di un’escursione: mi erano venuti a prendere la mattina al nord di Zanzibar (caricando in macchina anche i bagagli con cui viaggiavo) e la sera al termine della giornata mi hanno accompagnata a Paje, è un ottimo modo per risparmiare soldi e tempo. 😛
          Se ti vengono in mente altre domande non esitare a scrivermi.

          Impiegata Giramondo

          Rispondi
  • 3 Settembre 2019

    Ciao Marta sono Lelia. Ti avevo già scritto ad inizio anno prima di partire per Zanzibar. Sono partita a fine Gennaio, ma solo 5 giorni sono divuta ritornare perché stavo male. Ero a Jambiani e sinceramente il mare non mi è piaciuto molto perché i locali buttano dentro di tutto. Non ho fatto neanche un bagno (principalmente perché non stavo bene). Ora ci sto riprovando per il prossimo Gennaio/Febbraio. Sono indecisa tra Pingwe e Uroa per la parte Est. Di Paje che ne dici? Non vorrei trovare la situazione di Jambiani. Per il Nord ho scelto a Nungwi al Nord Est dove non sono andata quest’anno. Ho scelto il Game Fish Lodge perché più isolato dalla massa, tanto tutti i giorni ci portano se vogliamo sulla spiaggia di Nungwi o dintorni. Grazie x il tuo tempo e saluti.

    Rispondi
    • Marta
      5 Settembre 2019

      Ciao Lelia,
      mi spiace molto per l’inconveniente dello scorso anno! Fai bene a tornare a Zanzibar 🙂

      Io sono stata a Paje (al Kinazi Upepo) e l’ho trovata magnifica. Amici che sono stati a Zanzibar in Agosto hanno soggiornato sempre a Paje presso l’Ananda Beach House e ne sono rimasti entusiasti. 🙂 Quindi ti consiglio proprio Paje, per esperienza diretta.

      Il Game Fish Lodge è una struttura che non conosco, posso suggerirti di dare un’occhiata alla Makofi Guest House oppure se preferisci una struttura più tradizionale al My Blue Hotel Zanzibar (di cui tanti italiani parlano bene).
      A presto,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
      • 12 Settembre 2019

        Ciao Marta, sono Davide di Casale Monferrato in Piemonte, ho appena prenotato la mia vacanza a Zanzibar dal 31/10 al 09/11. Alloggeremo per tutta la durata della vacanza a Nungwi al resort la Gemma dell’Est in formula all’inclusive!
        A me e alla mia compagna piace molto girare e visitare i luoghi dove andiamo, quindi vorrei organizzare un po’ di escursioni!

        Dici che se mi affido ad Ali Boni potrebbe essere una buona idea?
        Gli si può scrivere in italiano? Purtroppo sia io che la mia compagna non sappiamo l’inglese!
        Un’ultima domanda: spero di non scocciarti, per le comunicazioni via telefono con l’Italia si ha la possibilità di acquistare SIM di operatori del posto?
        Grazie mille, ciao
        Davide

        Rispondi
        • Marta
          12 Settembre 2019

          Ciao Davide,
          nessuna scocciatura, io amo parlare di viaggi.
          Per le escursioni a Zanzibar scrivi pure in italiano ad Ali Boni, anzi, rivolgiti a lui con frasi semplici e poco articolate per agevolare la comunicazione ad entrambi.
          Se non risponde, insisti! 😉
          Per la SIM a Zanzibar ricordo diversi rivenditori proprio nel villaggio di Nungwi, ma anche ai bar e ristoranti sulla spiaggia è facile trovare WiFi a disposizione. La velocità di navigazione non è certo come quella qui in Italia, ma WhatsApp non avrai difficoltà ad utilizzarlo.
          Se ti vengono in mente altre domande non esitare a scrivermi. 🙂
          A presto

          Impiegata Giramondo

          Rispondi
  • 16 Agosto 2019

    Ciao! Sono Daniela, sto organizzando un viaggio a Zanzibar…tra le escursioni in barca quali sono quelle meno “pericolose” per chi soffre il mare? Io temo le due/tre ore di barca per raggiungere un posto… (non so neanche se mia figlia di tre anni le reggerebbe ☺️)

    Rispondi
    • Marta
      18 Agosto 2019

      Ciao Daniela,
      Zanzibar ti piacerà moltissimo, già lo so! 🙂

      Ti sconsiglierei il Safari Blu perché si svolge prevalentemente in barca e, se soggiorni al Nord, assicurati che l’eventuale escursione a Mnemba non parta dalla spiaggia di Nungwi, ma che tu venga accompagnata in auto di fronte all’isola, per poi fare in barca solo l’ultimo tratto.

      Le escursioni a Mnemba e Nakupenda non richiedono lunghi tragitti in mare. Se non ricordo male, Nakupenda vuole 30 minuti circa per raggiungere Prison Island dal porto di Stone Town e poi ulteriori 30 minuti da Prison Island a Nakupenda. Le condizioni del mare però possono non essere “piacevoli” per chi soffre le onde. Spero di esserti stata d’aiuto.
      A presto,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 30 Luglio 2019

    Ciao Marta,

    Io parto per Zanzibar la prossima settimana, per me è la prima volta. Il tuo blog su Zanzibar mi è piaciuto moltissimo e anche io, come molti, ho contattato Aliboni per organizzare le escursioni. Ti confermo però che anche a me non sta rispondendo. Dici di sentire qualcun altro (dici Zucchero?), insistere con Aliboni, o di organizzare tutto da là? Purtroppo sto solo una settimana e mi piaceva organizzare prima della partenza per non perdere tempo una volta là 🙂

    Grazie,

    Silvia

    Rispondi
    • Marta
      31 Luglio 2019

      Ciao Silvia,
      mi spiace molto non ti abbia risposto, ma come avrai letto spesso capita. 🙁
      Il mio consiglio è di provare a scrivergli ancora e allo stesso tempo di contattare anche Zucchero per provare ad organizzare già da qui le tue escursioni a Zanzibar, ma nell’eventualità che non ci riuscissi, non preoccuparti perché sarà molto semplice farlo una volta arrivata a destinazione.
      A presto e buon viaggio! 🙂

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 10 Luglio 2019

    Ciao Marta,
    una domanda. Per il Safari Blu di cui parli da dove si parte?

    Rispondi
    • Marta
      21 Luglio 2019

      Ciao Abele,
      come prima cosa scusami per il ritardo nella risposta! 🙂

      Tra le escursioni a Zanzibar, il Safari Blu è quella che si svolge più a Sud dell’isola, Sud-Ovest per esattezza. Clicca qui e ti si aprirà una Google Maps con il punto esatto di partenza.
      Ovunque alloggerai (se ancora non lo hai letto ti consiglio l’articolo Dove alloggiare a Zanzibar) ti sarà possibile prendere parte al Safari Blu: chi organizza l’escursione si occuperà anche degli spostamenti via terra per venire a prenderti e riportarti al tuo alloggio.

      Se hai altre domande chiedi pure! 🙂
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
      • 16 Agosto 2019

        Ciao scusa quale è il periodo migliore per andare a Zanzibar?…grazie

        Rispondi
        • Marta
          19 Agosto 2019

          Ciao Serena,
          premetto che a causa dei cambiamenti climatici, il meteo è abbastanza imprevedibile.
          Fatta questa doverosa premessa, i periodi migliori per andare a Zanzibar sono due: i primi mesi dell’anno (gennaio – febbraio) e la nostra estate (luglio – agosto – settembre). 🙂
          A presto

          Impiegata Giramondo

          Rispondi
  • 3 Luglio 2019

    Ciao Marta,
    grazie per tutte le dritte! 🙂
    Vorrei andare a Zanzibar in agosto, dici che posso fare le escursioni direttamente organizzandole in loco o è meglio organizzarle prima? In questo caso a chi potrei rivolgermi?
    Grazie!
    Sara

    Rispondi
    • Marta
      6 Luglio 2019

      Ciao Sara,
      grazie a te per il commento. 🙂
      Secondo me potresti cominciare ad organizzare da qui tramite Aliboni, di cui parlo qui sopra nell’articolo, nel caso non riuscissi non preoccuparti che troverai in loco una valida alternativa con i beach boys o qualche altra agenzia locale. 😉

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 24 Febbraio 2019

    Comunque ho contattato Aliboni ed è stato subito molto disponibile!!!
    Sicuramente ti invierò foto e sarò felicissima di condividere questa esperienza con te e tutti voi!
    A presto!!

    Rispondi
    • Marta
      24 Febbraio 2019

      Ne sono felicissima, ultimamente ero un po’ preoccupata perché non aveva risposto ad alcune persone, quindi mi hai tranquillizzata, grazie mille! 🙂
      A presto e buona Zanzibar!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 21 Febbraio 2019

    Ciao Marta,
    Io e mio marito partiamo il 19 marzo finalmente!! Grazie mille per i tuoi consigli, proverò a contattare Aliboni per cercare un accordo prima della partenza! Appena tornati ti scriverò per raccontare la nostra esperienza

    Rispondi
    • Marta
      24 Febbraio 2019

      Ciao Manuela,
      sono felice per la vostra imminente partenza e non vedo l’ora di leggere della tua esperienza a Zanzibar! 🙂
      A presto!

      Impiegata Giramondo

      P.s. se ti va mandami qualche foto sulla pagina Facebook, così farai viaggiare anche me dalla scrivania! 😉

      Rispondi
  • 10 Febbraio 2019

    Ciao Marta, sono rientrata da una settimana da Zanzibar e grazie alla tua guida sono riuscita ad organizzare una bellissima vacanza, grazie di cuore! Ho fatto diverse escursioni, al sud tramite la struttura dove ho alloggiato mentre al nord tramite Ali Boni e devo confermare la tua esperienza super positiva. Sicuramente con le risposte non sono molto celeri, anche noi abbiamo dovuto insistere un pochino per avere la conferma, ma dopo il primo contatto è stato tutto perfetto.

    Rispondi
    • Marta
      12 Febbraio 2019

      Ciao Cristiana,
      sono molto contenta del tuo commento e ancora di più della tua esperienza positiva!
      Mi hai rassicurato anche su Aliboni, perché in molti mi hanno segnalato che non rispondeva, quindi sono io che ti ringrazio!
      Spero di risentirti per un prossimo viaggio, sempre al caldo ovviamente! 😛
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 5 Febbraio 2019

    CIAO MARTA! IO HO CONTATTATO 4 VOLTE ALI BONI SIA CON WHATAPP CHE VIA MAIL MA NON HO RICEVUTO NESSUN TIPO DI PREVENTIVO E/O RISPOSTA IN MERITO. GLI HO SCRITTO 1 MESE FA.
    CHE TU SAPPIA HA ANCORA L’AGENZIA?
    GRAZIE MILLE!!
    CINZIA

    Rispondi
    • Marta
      6 Febbraio 2019

      Ciao Cinzia,
      purtroppo in tanti mi state dicendo che non risponde e mi spiace molto.
      Degli amici di recente si sono rivolti ad un’altra guida locale per le escursioni a Zanzibar, si chiama Zucchero e lo trovi su Facebook.
      Se puoi fammi sapere se ti risponde e dato che non lo conosco personalmente, mi farebbe piacere avere una tua opinione. 🙂
      Ti ringrazio.

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 28 Gennaio 2019

    Ciao Marta sono in partenza per Zanzibar, ho letto il tuo blog. Ho provato a contattare Ai boni via mail ma non ho ricevuto risposta dici di contattarlo via Facebook? Alloggerò la prima notte a stone town e poi a sud dell’isola. Volevo sapere per quanto riguarda safari blue pensi sia fattibile organizzarla anche se sto a sud? Mi hanno consigliato un altro tour chiamato blue lagoon e un altro chiamato neverland che ne pensi?
    Grazie per i tuoi preziosi consigli

    Rispondi
    • Marta
      31 Gennaio 2019

      Ciao Alessandra,
      mi spiace non ti abbia risposto, ti consiglio di provare come suggerivi anche su Facebook.
      L’escursione Safari Blu puoi organizzarla da qualsiasi punto dell’isola, non preoccuparti e se vuoi qualche certezza in più contatta la struttura dove alloggerai, credo abbiano informazioni ancora più rassicuranti. 😉
      Le altre escursioni di cui mi parli, se non sbaglio vengono proposte dagli albergatori del sud di Zanzibar, ti consiglio di informarti sulla tratta da percorrere in mare, perché avevo letto che era molto lunga ed in caso di mare grosso non piacevole, però preferirei che chiedessi maggiori informazioni a chi te le ha consigliate, per esserne certa. Se ti va aggiornami con le risposte o qui o sulla mia pagina Facebook. 🙂

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 15 Gennaio 2019

    Ciao Marta, complimenti e grazie per i consigli!Ho contattato su Facebook e Messenger Ali Boni, mi ha risposto ma quando gli chiedo consigli su escursioni oppure prezzo oppure come si prenota mi risponde solo con un e nulla più!Ormai manca una settimana alla mia partenza, cosa mi consigli?!?

    Rispondi
    • Marta
      17 Gennaio 2019

      Ciao Roberto,
      mi spiace molto per il disguido.
      Ad una settimana dalla tua partenza ti consiglio di non preoccuparti, e di contattare Ali Boni quando arrivi a Zanzibar, se non dovesse nuovamente darti risposta, puoi stare certo che sia nella struttura dove alloggi, sia in spiaggia, troverai con chi fare le escursioni, perché è un’isola che vive grazie al turismo.
      Nel caso volessi provare un’ultima volta, scrivigli un messaggio semplice tipo “prezzi escursioni grazie”.
      Era capitato anche a me di avere qualche difficoltà di comunicazione, probabilmente non è sempre lui a gestire le risposte, questa è stata la mia conclusione. 🙂
      Aggiornami se puoi.

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 8 Novembre 2018

    Ciao,
    a metà gennaio starò 1 giorno intero a Dar es Salaam prima della partenza notturna per l’italia.
    Qualcuno conosce qualcuno che posso contattare per fare un escursioni in barca di 1 giorno in qualche atollo, con pranzo incluso. con partenza da Dar es Salaam ?
    Grazie in anticipo a chi risponderà.

    Rispondi
    • Marta
      20 Novembre 2018

      Ciao Barbara,
      ti consiglio di contattare Ali Boni (sasaatours.com), organizza escursioni a Zanzibar e in Tanzania.
      Spero possa esserti d’aiuto! 🙂
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 23 Ottobre 2018

    Ciao Marta,

    Innanzitutto GRAZIE per gli stupendi spunti… Avrò letto i tuoi articoli almeno due volte ognuno! 😀 Ho gia’ organizzato il nostro itinerario (7gg a Zanzibar, io e mia sorella), e mi rimangono solo un paio di domande su cui mi piacerebbe sentire il tuo parere, visto che l’hai già fatto:

    1) Sarebbe considerato proprio un peccato non sostare o visitare Nungwi/Kendwa? Trovo migliori offerte per rimanere intorno a Kiwengwa i primi giorni che a nord, e cmq pensavo aggiungere la visita a Mnemba il secondo giorno (o Safari Blu, vedi domanda no.2).

    2) Visto che faccio il safari in Tanzania con Ali Boni, devo scegliere tra “una giornata intera a Stone Town” o “Safari Blu+Mezza giornata o serata a Stone Town” (giorni diversi, ovviamenti). E’ molto diverso il safari blu dall’atollo di Mnemba? Quale delle due escursioni consigleresti di più? In pratica non so se sacrificare Mnemba, Safari Blu o la giornata Stone Town.

    Sono sicura che la tua opinione sarà di grande aiuto. Grazie mille in anticipo!!!
    Mayte

    Rispondi
    • Marta
      30 Ottobre 2018

      Ciao Mayte,
      prima di tutto grazie per le splendide parole! 🙂

      Passando alle domande, sono entrambe molto difficili perché sono molto personali, spero di non essere troppo di parte:
      1) Sostare in un punto piuttosto che un altro dipende molto dai gusti. Il nord di Nungwi/Kendwa è bello come tutto il resto di Zanzibar, ma a differenza delle altre coste risente meno del fenomeno delle maree, c’è chi ama vedere i fondali emergere (alghe comprese), c’è chi invece non lo tollera. Io personalmente, sono stata felice di vedere entrambi gli scenari, quindi non preoccuparti perché qualsiasi sarà la tua scelta, non rimarrai delusa! 😉

      2) Le escursioni a Zanzibar “Safari Blu” e “Atollo di Mnemba” sono molto simili perché consistono entrambe nella visita di una lingua di sabbia emersa, ma nella prima è prevista anche la sosta per il pranzo su un’isola vicina e al rientro l’attraversamento di un canale di mangrovie. Quindi tra le due la più completa è sicuramente il Safari Blu. Fatta questa doverosa premessa io, se dovessi sacrificare un’escursione, rinuncerei alla giornata a Stone town. Una serata o mezza giornata è più che sufficiente, se come me prediligi il mare. Nel caso in cui invece volessi togliere una delle escursioni simili tra loro, allora forse è meglio rinunciare all’Atollo di Mnemba, che è meno completa.

      Spero di averti dato qualche informazione in più, utile a scegliere!
      P.s. se ti andasse, al tuo rientro mi farebbe piacere sapere della tua esperienza di Safari con Aliboni, per poterla condividere con gli altri viaggiatori come noi! 🙂
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
      • 20 Gennaio 2019

        Ciao,
        le tue info sono utilissime. Io già conosco Zanzibar perché ci son stato nel 2015. Sarei interessato a Chumbe island, blu safari, atollo di mnemba e qualcun’altra di mezza giornata. Abbiamo il villaggio a Nungwi. Conosci Chumbe island? Pensi che la mia struttura gestisca tutte queste escursioni?? Mi puoi consigliare qualcuno che faccia anche recupero turisti nei rispettivi villaggi qualora non usassimo le escursioni del villaggio? Buona giornata.
        Sergio

        Rispondi
        • Marta
          21 Gennaio 2019

          Ciao Sergio,
          penso che la tua struttura gestisca queste escursioni, ma per averne la certezza ti consiglio di contattarli già dall’Italia con una mail per avere info sui prezzi e sulle escursioni che organizzano, in modo da arrivare preparato. 😉
          Io purtroppo quando sono stata a Zanzibar ho dovuto scegliere alcune delle tante escursioni e non sono riuscita a visitare Chumbe Island, ma la inserisco subito nella lista di cose da fare quando ci tornerò! 🙂
          Per fare le escursioni al di fuori del villaggio, io ti consiglio Ali Boni, è un’agenzia locale con cui mi sono trovata molto bene, e con cui ho organizzato i vari spostamenti per l’isola, lo puoi contattare su facebook.
          Se ti va aggiornami sulle risposte che riceverai.
          A presto

          Impiegata Giramondo

          Rispondi
  • 5 Ottobre 2018

    Ciao cara! dormiremo una notte a stone town, quindi arriveremo verso le 15 li, dici che possiamo fare da soli il tour delle spezie o meglio accompagnati? Grazie

    Rispondi
    • Marta
      26 Ottobre 2018

      Ciao Sharon,
      io per una questione di praticità ti consiglio di farla con un tour, così non devi fare la ricerca della piantagione più vicina, non devi trovare il modo di arrivarci, ecc. Però credo si possa organizzare anche in fai-da-te. 🙂
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 27 Agosto 2018

    Ciao Marta , io sabato partirò per Zanzibar ho provato a contattare Ali Boni su Facebook senza avere una risposta… non mi sembra molto affidabile… comunque grazie per le info di sicuro ci saranno utili .Noi staremo a Uroa…Complimentarmi per il blog!!!

    Rispondi
    • Marta
      3 Settembre 2018

      Ciao Barbara,
      ti ringrazio e ti auguro buona vacanza! 🙂
      Mi spiace molto per Ali Boni, tutte le altre persone che ho indirizzato verso di lui per le escursioni a Zanzibar si sono trovate bene.
      Se ne hai voglia fammi sapere se riesci ad organizzarti con altre agenzie locali e se hai altre domande adesso che sei lì, non esitare a scrivermi qui o sulla pagina Facebook! 😉

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 2 Agosto 2018

    Ciao Marta complimenti per il tuo blog mi hai dato tantissime informazioni, sto organizzando il mio viaggio in Tanzania in solitaria per gennaio,proverò a contattare ali boni per le escursioni… volevo spostarmi anche io da nungwi a jambiani… magari dopo un escurisone dici che è fattibile nonostante sia da sola usufruire del tour x lo spostamento? Ho letto che tu ti sei spostata dopo il safari blu… ho un ultima domanda… per i pagamenti dei tour o del cibo o in albergo si usa la valuta locale o i dollari? Grazie mille in anticipo

    Rispondi
    • Marta
      7 Agosto 2018

      Ciao Giulia,
      grazie a te per i complimenti! 🙂
      Non posso assicurarti che sia fattibile, ma Ali Boni è davvero gentile e disponibile, troverà in ogni caso una soluzione adatta alle tue esigenze. Inoltre considera che noi eravamo in due, quindi non penso cambi molto una/due persone! 😉
      Come scrivi tu, io mi sono spostata da Nungwi dopo l’escursione a Zanzibar “Safari Blu”, è stato comodo perché il tour si svolge a sud dell’isola (Kwale Island) e quindi al rientro eravamo vicini a Paje.
      Per pagare escursioni e alberghi ho usato gli euro (contanti e bancomat), mentre per i souvenir e i pasti ho cambiato gli euro in valuta locale (scellini) negli uffici di cambio dell’isola, ho cambiato una piccola cifra appena arrivata all’aeroporto, ma il cambio è decisamente sfavorevole.
      Se hai altre domande non esitare a scrivermi!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 5 Luglio 2018

    Ciao, io farò una vacanza a Zanzibar dal 14 al 28 agosto. Siamo 3 adulti ed 1 ragazzo di 13 anni.
    Faremo 6 giorni in un Villaggio a Pwani e questo è già pagato quindi non modificabile, poi pensavo di dormire 2 notti a Nungwi e 5 notti a Stone Town. Cosa ne pensi? Troppe notti a Stone Town? Meglio fare qualche notte a Jambiani? In alternativa fare un Safari di 2 giorni in Tanzania è molto costoso e fattibile? Hai delle alternative? Per quanto riguarda i trasferimenti mi hanno sconsigliato di noleggiare una macchina, ma di muovermi con i taxi, cosa dici?
    Grazie a presto

    Rispondi
    • 18 Ottobre 2019

      Ciao!
      Ho letto il tuo articolo, ottimo spunto per scegliere le escursioni da fare a Zanzibar.
      Stiamo decidendo in quale zona soggiornare a metà Novembre, considerando clima e posizione per le escursioni, meglio Nungwi o Dongwe?
      Grazie in anticipo!

      Rispondi
      • Marta
        18 Ottobre 2019

        Ciao Chiara,
        per la scelta dell’alloggio ti consiglio di leggere qui: dove alloggiare a Zanzibar. 🙂

        Io ho fatto qualche giorno al Nord a Nungwi per poi spostarmi sulla costa Est, a Paje per l’esattezza: a Nord l’effetto delle maree è meno presente, troverai tanti italiani e bar e ristoranti sulla spiaggia. La costa Est è selvaggia e molto più ventilata, qui il mare si ritira parecchio per effetto delle maree e le lunghe spiagge sono ideali per le camminate.

        Essendoci escursioni da fare in tutta l’isola non c’è una zona più o meno comoda, dipende solo dai tuoi gusti, io ho amato entrambe i volti di Zanzibar e quindi se puoi ti consiglio di seguire il mio mini itinerario suddividendo il soggiorno tra Nord ed Est. 😉

        A Nord una buona struttura sulla spiaggia è il Baraka Beach Bungalows, mentre a Paje, il Kinazi Upepo (ottimo rapporto qualità prezzo).

        Se hai altre domande scrivi pure.
        A presto,

        Impiegata Giramondo

        Rispondi
    • Marta
      8 Luglio 2018

      Ciao Roberta,
      Secondo me 5 notti a Stone Town sono un pò troppe, io ti consiglierei di fare qualche notte in più al mare, magari prolungando il soggiorno a Nungwi per evitare un ulteriore trasferimento. Se invece l’idea di un altro spostamento non ti preoccupa Jambiani/Paje sono molto belle come località e molto diverse da Nungwi. (leggi qui per qualche info in più) 🙂
      Relativamente al Safari in Tanzania, potresti contattare Ali Boni tramite Facebook per avere informazioni su prezzi e tempistiche.
      Infine, per gli spostamenti anch’io ti sconsiglio di noleggiare l’auto, sia per le condizioni delle strade, sia perché mi è capitato di vedere il nostro autista che pagava la polizia ai posti di blocco e quindi temo lo facciano anche con i turisti.
      Potresti muoverti con i taxi o come avevo fatto io, utilizzare le escursioni per fare gli spostamenti tra una zona e l’altra, per esempio quando ti sposti a Stone Town, puoi prendere parte all’escursione “Stone Town e il tour delle spezie” e caricando in macchina i bagagli alla mattina effettuare il trasferimento. 😉
      Se hai altre domande scrivimi pure!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 21 Maggio 2018

    Salve,
    sono Antonella da Catania.

    È possibile prenotare con voi alcune escursioni a Zanzibar per una sola persona?
    Starò 4 notti a Stone Town e 3 a Nungwi (dal 13/8/2018).
    Avendo la fobia dei rettili escludo le escursioni dove si potrebbero trovare, grazie.

    Cordiali saluti
    Antonella

    Rispondi
    • Marta
      21 Maggio 2018

      Ciao Antonella,
      il mio è solo un blog di viaggi. 😉
      Mi spiace, ma non ho modo di prenotare o gestire le prenotazioni di nessuna escursione a Zanzibar. Se vuoi un consiglio prova a contattare Ali Boni come da indicazioni qui sopra, sicuramente saprà aiutarti!
      Spero di esserti stata utile. 🙂
      A presto!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 13 Maggio 2018

    Ciao, mi chiamo Ilaria e sono rimasta molto colpita dal tuo itinerario così che con il mio fidanzato abbiamo deciso di provare a replicarlo!! ti vorrei chiedere delle cose, ad esempio da Paje a Stone Town come ci sei arrivata? Inoltre hai detto che per spostarti da Nungwi a Paje hai usato l’escursione e le valigie??? Grazie

    Rispondi
    • Marta
      13 Maggio 2018

      Ciao Ilaria,
      sono molto contenta che replicherete il mio itinerario e sono certa che rimarrete entusiasti di Zanzibar! 🙂
      Per gli spostamenti ho sempre utilizzato l’aiuto del fidato Ali Boni, approfittando delle escursioni, in particolare da Paje a Stone Town mi sono spostata durante “Stone Town e Tour delle Spezie”: nel primo pomeriggio sono venuti a prenderci al Kinazi Upepo a Paje, abbiamo lasciato i bagagli sul minivan, abbiamo fatto una prima tappa ad una piantagione appena fuori Zanzibar City, successivamente siamo arrivati a Stone Town e dopo aver lasciato i bagagli in albergo (lo Zenji Hotel), abbiamo proseguito l’escursione con la visita della città e lo splendido tramonto!
      Anche durante lo spostamento da Nungwi a Paje, i bagagli sono rimasti nel minivan.
      Se ti venisse in mente qualche altra domanda, scrivimi pure. 😉
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 19 Febbraio 2018

    Buongiorno, mi sono piaciuti tantissimo i tuoi articoli: semplici, chiari e precisi!
    La scoperta di Ali Boni rivoluzionerà il mio ormai prossimo viaggio a Zanzibar, io e la mia ragazza per le escursioni volevamo affidarci a delle agenzie specializzate in quanto l’idea di affidarci ai beach boys ci sembrava poco efficiente ma i prezzi di queste ci hanno scoraggiato. Ali Boni ci sembra un buon compromesso.
    Grazie.
    Giovanni.

    Rispondi
    • Marta
      19 Febbraio 2018

      Ciao Giovanni,
      grazie mille, sono davvero contenta ti siano piaciuti gli articoli! 🙂
      Con Ali Boni sono sicura ti troverai benissimo, è un’agenzia del luogo, quindi come dici tu un buon compromesso tra i Beach Boys e le agenzie dei Resort! Spero al tuo rientro vorrai raccontarmi la tua esperienza. 😉
      A presto e buon viaggio!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 29 Gennaio 2018

    Ciao! Mi chiamo Anna e sto programmando le vacanze per estive a Zanzibar. Sono rimasta colpita dal tuo breve ma conciso riassunto sulla tua esperienza! Potrei chiederti qualche consiglio?
    Grazie mille in anticipo e buona giornata!

    Rispondi
    • Marta
      29 Gennaio 2018

      Ciao Anna, felice ti siano piaciuti gli articoli!
      Dimmi pure come posso aiutarti!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi