Dove alloggiare a Zanzibar

Il mio primo soggiorno a Zanzibar è durato 9 giorni e dico primo perché da allora sogno di tornarci. 🙂

Ho trascorso 4 notti in una guest house nella zona di Nungwi, un villaggio di pescatori al Nord; 3 notti in bungalow a Paje, sulla costa Est, e infine una notte in hotel a Stone Town, la capitale.

Dormire in guest house a Zanzibar?
Mai pensato di dormire in guest house a Zanzibar? 🙂

Perché questi spostamenti? Principalmente perché io e il mio ragazzo amiamo vivere realtà differenti, anche nel caso di soggiorni brevi. 3/4 giorni in un alloggio sono un buon compromesso tra relax e voglia d’avventura e così è stato anche per la nostra vacanza fai da te a Zanzibar.

Inoltre volendo effettuare qualche escursione per conoscere Zanzibar e, dato che queste sono distribuite in punti diversi dell’isola, a seconda di dove alloggiavo, ho pianificato le mie giornate. Così facendo ho potuto conoscere i diversi volti dell’isola: il Nord turistico e chiassoso, la povertà ed i sorrisi dell’entroterra, la tranquillità e la natura della costa Est. Inoltre, ho potuto cambiare alloggio sfruttando il pulmino per le escursioni, grazie alla gentilezza di Ali Boni e del suo staff (chi è Ali Boni? Ne parleremo più avanti).

 

Dove dormire a Zanzibar

Anche dopo aver girato buona parte dell’isola e averla vissuta per diversi giorni, mi è impossibile indicarti la zona migliore di Zanzibar: è questione di gusti, c’è chi preferirà le comodità del Nord e chi apprezzerà alla sera il silenzio della costa Est, chi in ferie cercherà altri italiani con cui fare nuove amicizie e chi vorrà staccare la spina il più possibile.

Dove dormire a Nungwi

La zona da Kendwa a Nungwi è quella meno esposta al fenomeno delle maree: se ami nuotare soggiorna qui. Credo che, per un primo viaggio, sia la zona migliore dove alloggiare a Zanzibar se non hai intenzione di spostarti e poi qui trovi strutture come la Makofi Guest House: un sogno per me. 🙂

Foto Makofi Guest House

Proprio qui a Nungwi troverai molte soluzioni economiche, ma non per questo da scartare a priori. Ti basterà dare un’occhiata alle foto su Booking per iniziare a sognare… 🙂

Ti elenco tutte quelle che ho preso in considerazione, più volte citate nei gruppi di discussione quando si parla di alloggi a Zanzibar: Makofi Guest House (a gestione italo-zanzibarina), Cocoa Guest House, Casa Umoja, GOasis Nungwi Zanzibar, Atii Garden Bungalows, Zanzibar Star Hotel, Amaan Bungalows, Baraka Beach Bungalows. Se cerchi invece un più tradizionale resort italiano, ecco il Royal Zanzibar Beach Resort (poco più sotto ti indicherò altre soluzioni) e il My Blue.

Cartina di Zanzibar
Mappa di Zanzibar. In evidenza Stone Town, Nungwi e Paje

Per il mio soggiorno a Nungwi ho scelto l’Homeland Swahili Lodge, una struttura molto semplice ed economica (25 € a notte, per una doppia con colazione inclusa), più da backpaker che da “turista italiano”. Potremmo definire la stanza, il vero alloggio zanzibarino: senza vetri alle finestre, solo zanzariere, tende colorate e una pavimentazione in…cemento, coperto da tappeti. 🙂 Sanitari e lenzuola pulitissimi, sia ben chiaro, e un padrone di casa gentilissimo e molto premuroso, ben disposto a consigliarmi i migliori bar e ristoranti della zona, ad accompagnarmi in spiaggia la prima sera e, volendo, anche ad organizzare le varie escursioni.

Nungwi è una delle zone dei grandi resort italiani ed è facile imbattersi lungo la spiaggia in nostri connazionali, ma io non sono tipa da all inclusive 🙂 E’ una questione di gusti e così ho scelto l’Homeland Swahili.

Colazione all'Homeland Swahili Lodge
Colazione a base di frutta di stagione all’Homeland Swahili Lodge 😀

Per raggiungere la spiaggia di Nungwi, da questo alloggio, è necessario percorrere circa un chilometro a piedi attraversando il villaggio di pescatori a contatto con la realtà locale. Sinceramente è un’esperienza che consiglio a tutti, anche se alloggerai nei resort più lussuosi: il contatto con la vita in Africa aiuta a ridimensionare gli “insormontabili problemi di tutti i giorni”.

✅ Un consiglio: la spiaggia di Nungwi è un susseguirsi di bar e ristoranti. Il mio preferito? Il Baraka Beach Restaurant un locale molto romantico, direttamente sulla spiaggia che serve ottimi piatti di pesce e cucina tipica a prezzi veramente molto convenienti (si cena con 10 / 15 € a persona). Ti verrà mostrato il pescato del giorno e non dovrai far altro che scegliere, al resto penseranno loro, ovviamente con i loro tempi. 😉
Dove mangiare a Nungwi? Al Baraka!

Il Baraka, oltre ad essere il miglior ristorante di Nungwi offre sistemazioni per la notte: il Baraka Beach Bungalow. Me ne hanno parlato degli italiani a cena, molto soddisfatti del loro soggiorno a pochi passi dalla spiaggia.

Alternativa al mio rustico alloggio, segnalo anche il Mnarani Beach Cottage.

La struttura è posizionata all’estremità a Nord di Zanzibar, direttamente sulla spiaggia di Nungwi. Il Mnarani dista uno/due chilometri a piedi dalla zona dei locali e ristoranti (dove troverai il Baraka): è una camminata piacevole lungo la spiaggia o attraverso le strade interne di Nungwi.

La foto qui sotto è stata scattata proprio dalla terrazza sul mare del Mnarani Beach Cottage: meraviglioso.

Nel mare di fronte al Mnarani io e il mio ragazzo abbiamo conosciuto Silvia e Aurelian con i quali abbiamo trascorso un bel capodanno: ciao ragazzi ! 🙂

Dove dormire a Noungwi
La terrazza sul mare del Mnarani Beach Cottage

Dopo aver trascorso 3 intensi giorni e 4 notti a Nungwi, mi sono spostata a Paje.

Dover dormire a Paje, Zanzibar

Lungo la costa di Zanzibar rivolta verso l’Oceano Indiano, il mare, a causa delle maree, si ritira per diversi chilometri trasformando, per diverse ore al giorno, un tuffo in mare in una camminata. Inoltre questa zona è molto ventosa, tanto da essere meta ambita dagli amanti del kitesurf di tutto il mondo.

Mentre la spiaggia da Kendwa a Nungwi è un susseguirsi di resort, bar e ristoranti, la zona di Paje è più tranquilla. Non che non vi siano bar sulla spiaggia o negozi o ristoranti, ma qui è tutto meno affollato.

Per rapporto qualità-prezzo, a Paje, una delle migliori strutture in cui alloggiare è il Kinazi Upepo Beach Resort.

Per 30 € a notte a persona con colazione avrai un bungalow su una spiaggia di palme a due passi dal mare: un sogno 🙂 Lascio che siano le foto a parlare per me.

Bungalow del Kinazi Upepo sulla spiaggia a Paje
Bungalow del Kinazi Upepo sulla spiaggia a Paje

Qui sotto la vista dalla finestra del bungalow ad aspettarti al mattino. 🙂

vista dal mio bungalow a Paje
La meravigliosa vista dal mio bungalow a Paje

✅ Un consiglio se soggiornerai in questa zona: ad una decina di chilometri a Nord di Paje, trovi il The Rock Restaurant: il miglior ristorante di Zanzibar, tra l’altro gestito da italiani. 😉 Non è proprio economico, ma già solo la location vale la spesa: è un ristorante costruito su una grande roccia fronte spiaggia. Per raggiungerlo, durante l’alta marea, verranno a prenderti in barca. Prenota in anticipo, è sempre affollatissimo.

Hotel a Stone Town, patrimonio dell’UNESCO

Ultima notte: Stone Town, la città vecchia di Zanzibar City.

Merita un soggiorno? Sicuramente si. Camminare per le strette vie di questa città è affascinante.

A Stone Town ho dormito allo Zenji Hotel di Zanzibar City.
E’ un’ottima struttura con camere spaziose e pulite, ed una sfiziosa colazione in terrazza. Inoltre è a due passi dal porto di Zanzibar, da dove partono i traghetti per Dar Er Salam (io ho preso un volo dalla capitale della Tanzania per risparmiare, vedi la mia vacanza fai da te a Zanzibar 📌). 🙂

Stanza dell'Hotel Zenj a Stone Twown
Stanza dell’Hotel Zenji a Stone Town

Da qui potrai raggiungere comodamente a piedi i giardini di Forodhani , il mercato delle spezie e del pesce Darajani e gli altri punti di interesse della città.
In definitiva rispondere alla fatidica domanda “dove è meglio soggiornare a Zanzibar?” non è così semplice, sopratutto perché sia il Nord che l’Est meritano di essere viste. La mi scelta la conosci, quando tornerai dalla tua vacanza torna qui a raccontarmi la zona dove alloggiare a Zanzibar che hai preferito! 🙂

Ah, dimenticavo: tutti i cambi di hotel li ho effettuati nei giorni delle escursioni, per questo non posso che consigliarti Ali Boni, chiedi a lui: ecco come spostarsi a Zanzibar 🙂

Dove alloggiare a Zanzibar

Articolo valutato 4.92 / 5 da 26 lettori

Valuta l'articolo:            

27 commenti a “Dove alloggiare a Zanzibar

  • 9 novembre 2017 at 16:45
    Permalink

    Ciao! Sto pensando di partire per Zanzibar con il mio ragazzo (che è un pescatore) verso gennaio. Ho letto che parli di alloggi senza finestre (solo zanzariere) e con tappeti… Non sto a sindacare, sono sicura siano puliti e bellissimi e in genere anche io mi adatto al posto, perché amo la cultura locale, ma ho girato diversi paesi in formula fai da te e almeno i vetri…anche perchè sai che caldo? Quindi volevo chiederti: ma tra l’assenza dei vetri e i tappeti che nascondono… non hai poi trovato in camera o in valigia animali o insetti? Mi vengono in mente dai più banali ma sempre presenti enormi scarafaggi o cavallette ai serpenti e ragni velenosi…

    Rispondi
    • 9 novembre 2017 at 23:45
      Permalink

      Ciao 🙂 Chiarisco: si, l’alloggio all’Homeland Swahili Lodge era senza vetri con zanzariere alle finestre e una seconda che avvolgeva dall’alto il letto. Per il caldo nessun problema: siamo stati a Capodanno e la sera era piuttosto ventilato: abbiamo dormito benissimo. L’alloggio era ad un secondo piano e, vuoi forse anche per il periodo, non abbiamo avuto problemi con le zanzare. Nessun avvistamento di blatte o scarafaggi a differenza di altri viaggi, ne in stanza, ne in valigia. 🙂 Onestamente non abbiamo visto neppure serpenti o ragni…

      L’alloggio in questione è sicuramente un buon compromesso per chi vuole risparmiare e vivere l’isola un pò più da vicino, lontano dai resort. 🙂

      Se cerchi qualcosa di “rustico” (anche se, ripeto, ho trovato Homeland Swahili molto pulito), dai un’occhiata alle strutture indicate qui sopra. Per qualsiasi ulteriore informazione, non esitare a scrivermi. 🙂

      Rispondi
  • 12 gennaio 2018 at 17:44
    Permalink

    Ciao, io sto per andare a Zanzibar col mio ragazzo, partiamo a febbraio. Consigli il Dream Lodge a Bwejuu? Ho conosciuto la proprietaria, italiana, su FB e mi è sembrata molto cortese e pronta a risolvere ogni mio dubbio… Però mi è cascato l’occhio anche su altre strutture e non so più che fare! Grazie

    Rispondi
    • 13 gennaio 2018 at 15:06
      Permalink

      Ciao 🙂 E’ una struttura che non conosco, se dici che è gestita da italiani l’attenzione al turista sicuramente non mancherà. 🙂
      Più che sulla struttura però ti consiglio di informarti sulla località: vedo che è sulla costa Est: c’è molta differenza tra Nord (Kendwa e Nungwi) e la costa ad Est: a Nord l’effetto delle maree è meno presente, molti italiani e tanti locali sulla spiaggia dove passare le serate.
      La costa Est è molto più selvaggia e ventilata (meta di kitesurfer) e ma qui il mare si ritira per parecchie centinaia di metri. Io ho apprezzato sia il Nord che la zona di Paje, ma è molto soggettivo.

      Rispondi
  • 23 gennaio 2018 at 22:43
    Permalink

    Ciao, dovrei andare in agosto a Zanzibar, è più precisamente a Jambiani, come vi sembra come zona per poi spostarsi durante le giornate? Ho difficoltà a trovare voli diretti, dove potrei cercare?
    Grazie in anticipo

    Rispondi
    • 23 gennaio 2018 at 23:40
      Permalink

      Ciao Cristian,
      Jambiani (appena sotto a Paje) è molto bella come zona se desideri totale relax e se ti piace il kite surf, inoltre è comoda per le escursioni del safari blu che si effettua a sud dell’isola, per il bagno con i delfini a Kizimkazi e per la visita della foresta Jozani dove potrai avvistare le scimmie rosse. Dista un’ora da Zanzibar City, quindi è abbastanza comoda anche per la visita di Stone Town e per l’escursione Prison Island + Nakupenda. Diciamo che l’unica scomodità sarà raggiungere il nord di Zanzibar (Nungwi e Mnemba) che per me ha il mare più bello, però trovo sia comunque una buona zona per spostarsi durante le giornate.
      Per quanto riguarda i voli, Meridiana e Neos volano diretti a Zanzibar, però salirà il prezzo del biglietto, cercali sul sito delle compagnie aeree per evitare intermediari e sovrapprezzi.
      Per qualsiasi altra informazione scrivimi pure. 🙂
      A presto!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 25 gennaio 2018 at 12:39
    Permalink

    Ciao! Ho letto il tuo post e ne sono rimasta affascinata 🙂
    Sto programmando una vacanza a Zanzibar con il mio compagno a marzo dal 5 al 15, una decina di giorni circa.
    Come dicevi tu, non siamo tipi da “all inclusive” ma vorremmo comunque trascorrere un soggiorno piacevole all’insegna del relax e dell’avventura!
    Vorrei chiederti un consiglio sull’itinerario per due ragazzi che non hanno mai visitato Zanzibar, i luoghi “must” da visitare e le escursioni da non perdere.
    Ciò che più ci preoccupa, essendo da soli, è la sicurezza: come dobbiamo comportarci? È sicuro spostarsi in due?
    Spero di essere stata chiara, ogni consiglio è dritta sono ben accetti!
    Grazie infinite 🙂
    Eleonora

    Rispondi
    • 25 gennaio 2018 at 15:54
      Permalink

      Ciao Eleonora, sono davvero felice del tuo commento! 🙂
      Zanzibar vi piacerà moltissimo, io ho lasciato lì un pezzo di cuore!
      Un piccolo consiglio che mi sento di darti se non avete ancora preso il volo e se potete spostare le date, forse sono meglio gli ultimi dieci giorni di febbraio o i primi di marzo, per stare più lontano possibile dal periodo delle piogge. Detto questo, dieci giorni sono perfetti!
      Per prima cosa voglio tranquillizzarti sulla sicurezza, noi i primi 4 giorni abbiamo soggiornato al Nord e leggermente nell’entroterra, quindi la sera per andare a cena ci armavamo di pila e luce del cellulare e percorrevamo un paio di stradine nel buio totale per raggiungere i ristorantini sulla spiaggia, ti assicuro che non mi sono mai sentita in pericolo o a disagio! E da donna stai tranquilla anche sull’abbigliamento, io avevo portato un copri spalle solo per rispetto, ma nessuno mi ha mai detto nulla anche quando non lo indossavo.
      Passando ora all’itinerario ti consiglierei di suddividere la vacanza tra nord e sud/est, in modo da poter vedere le diverse facce di Zanzibar, magari facendo 4 notti a Paje + 4 notti a Nungwi/Kendwa + 1 notte a Zanzibar City. A Paje troverai relax e immense spiagge bianche, mentre al nord troverai la zona più turistica e con il mare meno soggetto a maree.
      Le escursioni che ho preferito sono Safari Blu e Isola di Mnemba: sono un’amante del mare ed i colori che ho visto durante queste due escursioni non pensavo neppure esistessero! Se riesci a trovare chi la organizza scegli l’escursione a Mnemba con il pranzo sulla lingua di sabbia, io li non ho pranzato, ma è una delle cose che farò sicuramente quando tornerò a Zanzibar! Qui comunque trovi il racconto delle escursioni che ho fatto.
      Un ultimo consiglio: se decidi di visitare Stone Town, davvero molto bella, fallo in autonomia, noi avevamo fatto l’escursione organizzata Tour delle spezie + Stone Town, ma la città è molto meglio girarla da soli, soprattutto per evitare l’aperitivo al tramonto stipata con altri turisti alla Swahili House! 😉
      Per qualsiasi altra informazione scrivimi pure!
      A presto!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 25 gennaio 2018 at 19:10
    Permalink

    Grazie infinite per avermi risposto così in fretta e in modo così esaustivo!
    Un’altra domanda riguarda gli spostamenti: quanto costano? Tu come li hai gestiti, pubblici o hai noleggiato un’auto?
    Grazie ancora in anticipo 🙂

    Rispondi
    • 26 gennaio 2018 at 10:19
      Permalink

      Figurati Eleonora, è un piacere cercare di dare più informazioni possibili! 😉
      Gli spostamenti per le escursioni (pick up e drop off) sono sempre inclusi nel prezzo, quindi sfruttavo quelli quando dovevo spostarmi in una zona nuova e in un nuovo alloggio: caricavamo i bagagli la mattina sul Van, partecipavamo all’escursione e al ritorno ci facevamo portare nella nuova zona/nuovo alloggio, in modo da non perdere tempo e non dover pagare un taxi ulteriore. Ti consiglio di concordare la sera prima lo spostamento del ritorno, in modo da non aver sorprese. 🙂
      Per gli altri spostamenti brevi abbiamo utilizzato i loro Dalla-Dalla, una sorta di bus, alla modica cifra di 1/2 € circa a seconda della tratta da percorrere, li fermi alzando la mano direttamente sulla strada e in base al numero riportato sul davanti c’è una destinazione. Provali sono davvero folcloristici.
      Per quanto riguarda la prenotazione del volo, ovviamente devi cercare voli con scalo e non diretti, e se vuoi risparmiare ulteriormente puoi guardare i voli per Dar Es Salaam che si trova sulla costa di fronte a Zanzibar e da lì poi prendere il traghetto di un’ora e mezza circa. E’ un po’ più scomodo, ma a volte si risparmia davvero una bella cifra.
      Buona ricerca e se ti serve altro sai dove trovarmi! 😛

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
      • 26 gennaio 2018 at 14:46
        Permalink

        Grazie infinite, sei stata davvero gentilissima!
        Ti racconteremo la nostra esperienza, sicuramente.
        A presto!
        Eleonora

        Rispondi
        • 26 gennaio 2018 at 15:04
          Permalink

          Non vedo l’ora di vedere le vostre foto e di leggere i vostri racconti! 🙂
          A presto!

          Impiegata Giramondo

          Rispondi
  • 25 gennaio 2018 at 19:16
    Permalink

    Ho dimenticato di chiederti qualche consiglio per risparmiare nella prenotazione del volo 🙂

    Rispondi
  • 18 febbraio 2018 at 23:03
    Permalink

    ciao posso chiederti qualche info per una prenotazione del volo? pensavamo di organizzare il viaggio verso metà di gennaio. volevamo organizzare un viaggio per capodanno ma immagino che i prezzi siano parecchio piu alti.
    Che aeroporti consigli per partire? Milano e Roma immagino. e che prezzo si potrebbe considerare buono? 2 adulti e una bimba di 3 anni.

    grazieeeee

    Rispondi
    • 19 febbraio 2018 at 11:33
      Permalink

      Ciao Andrea,
      per capodanno i prezzi sono certamente più alti, ma prenotando con largo anticipo troverai sicuramente qualche offerta.
      L’aeroporto scegli quello che ti è più comodo, perché gli aeroporti più trafficati (Malpensa/Roma) potendo offrire parecchi voli e di compagnie aeree diverse hanno spesso offerte, ma anche gli altri aeroporti (Torino/Bologna) per attrarre clienti e per entrare in concorrenza fanno offerte altrettanto convenienti! 😉
      Un buon prezzo potrebbe essere sui 450/550€ per adulto, per la bimba in base alla compagnia aerea cambia la tariffa, se non sbagliano i bambini viaggiano gratuitamente solo fino a 2 anni, successivamente credo abbiano delle tariffe agevolate inferiori ad un adulto, che variano in base alla compagnia area scelta.
      Se hai bisogno di altre informazioni, scrivimi pure. 🙂

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 16 marzo 2018 at 13:56
    Permalink

    Ciao. Dal 7 al 19 ottobre saremo a Zanzibar, ma prima faremo il safari nel Sud della Tanzania. Atterriamo a Zanzibar alle 13 e dobbiamo spostarci con il traghetto (il volo costava troppo) a Dar es Salaam. Volevo sapere quanto costano i taxi li? Ce ne serve uno che dall’aeroporto ci porti a prendere l’ultimo traghetto delle 16 ma non ho idea di quanto ci possa costare. Grazie

    Rispondi
    • 16 marzo 2018 at 18:06
      Permalink

      Ciao Mary,
      Noi non eravamo atterrati a Zanzibar, quindi il prezzo esatto non te lo so dire, ma sono sicura che ci sono taxi disponibili all’esterno dell’aeroporto.
      Un prezzo indicativo potrebbe essere sui 10/15 euro, se consideri che noi per percorrere la tratta “Dar es Salaam Terminal Ferry – Julius Nyerere International Airport” avevamo pagato 8 euro, tu comunque lascia dire a loro un prezzo e poi contratta! 🙂
      Se hai bisogno di altre informazioni chiedi pure.
      A presto!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 29 maggio 2018 at 10:16
    Permalink

    Ciao Marta,
    io viaggerò a Zanzibar dal 1 al 15 Agsosto prima tappa Kizimkazi, ultima Nungwi, ma in mezzo sono indeciso tra Kiwengwa, Paje o Jambiani, potresti aiutarmi? Stone Town una notte si o no?
    Grazie mille 🙂

    Rispondi
    • 29 maggio 2018 at 14:15
      Permalink

      Ciao Davide,
      Io ti consiglio di farla una notte a Stone Town, magari l’ultima in modo da poter ammirare lo splendido tramonto ed essere anche più vicino all’aeroporto. 😉
      Invece in merito alla tappa tra Kizimkazi e Nungwi, io ti consiglio Paje, ma sono di parte perché ci sono stata e me ne sono innamorata.
      Jambiani dovrebbe avere lo stesso paesaggio perché è accanto a Paje e volendo puoi raggiungerla con una passeggiata sulla spiaggia, mentre Kiwengwa forse a livello di mare è un po’ più soggetta alle maree, però stai tranquillo che qualsiasi sarà la tua scelta ne sarai felice!
      Se hai altre domande scrivimi pure! 🙂

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 8 luglio 2018 at 0:18
    Permalink

    Ciao Marta, ho letto del tuo viaggio a Zanzibar e me ne hai fatta innamorare ancora di più! Noi voteremo a Settembre siamo due coppie e abbiamo un bimbo di 3 anni. Continuo a guardare un pò dove soggiornare, ma non riesco a decidermi. Non mi piacciono i resort e gli “all inclusive”, mi piacerebbe qualcosa di semplice e caratteristico del posto ma ovviamente pulito e in ordine più che altro per il bimbo.
    Grazie mille per la risposta

    Rispondi
    • 9 luglio 2018 at 14:06
      Permalink

      Ciao Erika,
      sono davvero felice di averti trasmesso le mie emozioni! 🙂
      In base a quello che mi hai scritto, potresti valutare il Makofi Guest House che si trova a Nungwi (a nord dell’isola), vicino alla spiaggia più bella di Zanzibar! 😉
      Io avevo optato per l’Homeland Swahili Lodge, una struttura ancora più economica, ma dato che viaggerai con un bimbo forse è un pò troppo spartana! 😛
      Fammi sapere se trovi disponibilità e se ti vengono in mente altre domande.
      A presto!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 24 luglio 2018 at 9:30
    Permalink

    Ciao, ho trovato il tua articolo molto utile (mi sono già tirata giù qualche appunto su dove mangiare e dove dormire!), in considerazione del fatto che vado a Zanzibar tra gennaio e febbraio (intanto ti chiedo se sai se un mese è migliore dell’altro o se c è una differenza minima), e poi, alcune persone mi hanno riferito che in certe zone e certi periodi ci sono parecchie alghe, che “rovinano” un po il paesaggio e il bagno, volevo chiederti se sapevi qualcosa in merito e nel caso se hai zone da consigliare o da sconsigliare! grazie in anticipo
    Francesca

    Rispondi
    • 28 luglio 2018 at 11:42
      Permalink

      Ciao Francesca,
      sono felice di esserti utile! 🙂
      Gennaio e Febbraio sono entrambi ottimi mesi per andare a Zanzibar, io ti consiglio di andare verso la fine di Gennaio e l’inizio di Febbraio, per non trovare troppi turisti e per non andare verso la fine della stagione secca. 😉
      In riferimento alle alghe, io sono stata a Capodanno a Zanzibar ed il posto dove erano più presenti (senza rovinare il paesaggio o il bagno) era Paje, ma non mi sento di sconsigliarti questa zona, perché rispetto a Nungwi dove il fenomeno delle maree è molto meno forte, a Paje c’è un’atmosfera magica…surf, yoga, Sup e relax estremo!
      Se hai altre domande non esitare a scrivermi!

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
      • 28 luglio 2018 at 15:14
        Permalink

        Grazie mille per avermi risposto! Già che ci sono ti disturbo un’altra volta per chiederti quale altra tappa mi suggerisci oltre Nungwi e nel caso, come fare ad arrivarci da Nungwi appunto. (Ne vorrei aggiungere solo una perché era mia intenzione fare anche un safari in Tanzania dove investirò almeno 2-3 gg.)
        Nello specifico a Nungwi avevo adocchiato due posti per dormire che avevi menzionato anche tu, e tra cui devo scegliere: il Baraka Beach o l’Amaan. Qual è migliore come posizione secondo te? Tu hai fatto anche snorkling o dive in quelle zone? Grazie ancora per la disponibilità!

        Rispondi
        • 1 agosto 2018 at 12:24
          Permalink

          E’ un piacere Francesca rispondere alle domande sui viaggi! 🙂

          Io ti consiglio di aggiungere Paje come altra tappa a Zanzibar per vedere un paesaggio diverso, per raggiungerla da Nungwi puoi:
          – usare i famosi “dalla-dalla”, bus pubblici zanzibarini molto economici, ma te lo sconsiglio per un viaggio così lungo, però se riesci provali per un viaggio più breve, è un’esperienza simpatica!
          – chiedere alla struttura dove alloggi di organizzarti il trasferimento.
          – avvicinarti alla strada principale e sicuramente si fermeranno macchine/moto a chiedere se hai bisogno di un taxi!
          – utilizzare un’escursione nei pressi della tua destinazione, cioè caricare sul van i bagagli alla mattina, fare l’escursione e al ritorno farti accompagnare nel nuovo alloggio! Questa è stata la mia tecnica per risparmiare tempo e soldini! 😉

          Per quanto riguarda l’alloggio a Nungwi sono entrambi in un’ottima posizione, quindi scegli quello che preferisci in base alle tue esigenze.
          Mentre se decidi di inserire anche Paje nel tuo viaggio, ti consiglio di dormire al Kinazi Upepo, io me ne sono innamorata!
          Purtroppo non ho il PADI, quindi solo snorkeling per me ed il mio staff!
          Se hai altre domande non farti problemi a scrivermi, sono qui apposta. 🙂

          Impiegata Giramondo

          Rispondi
  • 29 agosto 2018 at 16:36
    Permalink

    Ciao, sono Tania. Stavo pensando di andare una settimana/8 giorni a Zanzibar a Febbraio.
    Avevo letto che Nungwi è una delle spiagge più belle e avevo già messo nella mia lista di booking Makofi Guest House che tu hai consigliato. Ma ne avevo visto un altro sulla spiaggia di Kilimajuu a est. Quale consiglieresti?
    Sono una ragazza che si adatta e non cerca il 5 stelle. Consiglieresti di andare in una di queste ‘guest house’ oppure di cercare un villaggio? (però penso che nel villaggio si spenda di più, vero? )
    Vorrei chiederti delle informazioni…
    come vita è cara? Ho letto nel tuo post che ci sono dei ristoranti buoni e economici.
    Per quanto riguarda le escursioni, è facile potersi organizzare?
    Sono obbligatorie le vaccinazioni?
    Per spostarsi a Zanzibar ho letto che ci sono i ‘beach boys’ con cui contrattare tutto.
    Grazie anticipatamente! 🙂

    Tania

    Rispondi
    • 4 settembre 2018 at 8:43
      Permalink

      Ciao Tania,
      ottima idea Zanzibar a Febbraio, dovresti trovare il clima migliore. 🙂
      Io, se fossi in te, farei 4 giorni a Nungwi e 4 giorni a Kilimajuu. Ti consiglio di alloggiare a Zanzibar nelle guest house che ritengo più autentiche e solitamente chi le gestisce è disponibile ad aiutarti per trasferimenti ed escursioni come nei villaggi (questi ultimi credo costino di più, ma non ne sono sicura, perché a volte si trovano offerte davvero convenienti).
      La vita non è cara: puoi spostarti con i Dalla-Dalla per pochi euro oppure come scrivi tu tramite i beach boys, puoi cenare in riva al mare la sera per 10/15€ (Baraka Restaurant), puoi acquistare regali/souvenir per pochi euro al mercato di Stone Town (Darajani Market) o nelle bancarelle vicine alle spiagge, puoi fare escursioni dai 15 ai 50 euro (io mi ero rivolta ad un agenzia locale, trovi tutto qui).
      Per quanto riguarda le vaccinazioni, non è il mio campo, quindi ti consiglio di rivolgerti all’ASL più vicina a te, sicuramente sapranno darti le informazioni che hai bisogno.
      Grazie a te per avermi scritto, se hai altre domande sai dove trovarmi! 😉
      A presto

      Impiegata Giramondo

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *