PLF, Green Pass e Guadalupa: come viaggiare dall’Italia ai Caraibi e ritorno

Guadalupa, l’arcipelago delle Antille francesi nel Mare dei Caraibi, è da un punto di vista “burocratico” territorio europeo quindi anche nei mesi scorsi è sempre stato possibile viaggiare qui anche per turismo senza particolari restrizioni.

Appartenendo formalmente al suo territorio, le isole sono state trattate alla stregua della Francia. Viene infatti specificato sul sito della Farnesina che fanno parte dell’elenco: «Francia, inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo».

Dati i frequenti aggiornamenti delle disposizioni per i viaggi all’estero, ti consiglio di consultare il sito Viaggiare Sicuri sempre e prima di partire e di iscriverti al mio canale Telegram dove troverai aggiornamenti sui viaggi extra Europa.

Viaggio a Guadalupa in fai da te

A partire dall’1 Agosto 2022 le regole in vigore per l’ingresso a Guadalupa indette per il controllare l’epidemia di Coronavirus state totalmente rimosse.

Inoltre ricordo che dall’1 Giugno 2022 non è più richiesto alcun Green Pass o altra certificazione equivalente per il rientro in Italia da Guadalupa e, in generale, dall’estero.

Guadalupa in fai da te? Risparmia il 10% su una qualsiasi assicurazione viaggio Columbus (anche con protezione da COVID-19) usando il codice sconto TBG033

 

Tutto quello che segue è una “memoria storica” della situazione a Guadalupa nei mesi scorsi e quindi “non più valida”.


Si può andare a Guadalupa?

A Guadalupa si può andare, tuttavia ci sono degli adempimenti necessari per  l’entrata nel Paese prima della partenza. Vediamo cosa serve per giungere a destinazione.

Ai cittadini dell’Unione Europea non è richiesto alcun visto e per mettersi in viaggio basta la propria carta d’identità.

In linea generale, tutti i passeggeri diretti nella meta sono obbligati a presentare il risultato negativo di un test antigenico o PCR fatto meno di 24 ore prima della partenza.

Dobbiamo tenere ben presente che le regole d’ingresso nella destinazione variano in base a due parametri: il Paese di provenienza dei passeggeri e il loro stato di vaccinazione.

Per quanto riguarda il primo punto, la Francia ha creato un sistema a semaforo per classificare i Paesi – scarlet red, red, orange o green countries – a seconda del loro grado di rischio legato ad infezione da SARS-CoV. L’elenco è riportato sul sito del governo francese e, come potete vedere, l’Italia rientra tra i Paesi “verdi”.

Benché non sia stato reso obbligatorio da Guadalupa, ti consiglio sempre di sottoscrivere un’assicurazione di viaggio COVID-19, in modo da evitare rischi e spese onerose in caso di contagio e necessario isolamento.

Inoltre, ricordo di usare mascherina e di fare attenzione al distanziamento, evitando se possibile luoghi affollati e lavandosi spesso le mani.

Serve il Green Pass per entrare a Guadalupa?

Per entrare a Guadalupa serve un Green Pass dato dal completamento del ciclo vaccinale.

In Francia, infatti, tutti i soggetti maggiori di 16 anni devono dotarsi di un “pass vaccinal“. Questo significa che non verranno più accettati Green Pass da testing per viaggiare.

Per i turisti e per i soggetti maggiorenni è stata inoltre inserita una “condizione booster“. Si intende che devono avere obbligatoriamente aver ricevuto la dose booster entro e non oltre i 7 mesi dalla seconda dose per viaggiare. A Febbraio 2022 questo lasso di tempo si abbasserà a 4 mesi.

I passeggeri europei devono quindi dotarsi di Certificato Covid digitale UE come prova della vaccinazione. I vaccini accettati sono Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson.

Come detto già precedentemente, anche in questo caso è necessaria l’effettuazione di un tampone molecolare o antigenico prima delle 24 ore dalla partenza.

Entrare a Guadalupa senza vaccino

I soggetti non vaccinati hanno il divieto di mettersi in viaggio verso la Guadalupa.

Ci sono tuttavia delle deroghe per questa categoria di viaggiatori per motivi:

  • gravi di ordine personale o familiare
  • di salute urgente
  • lavorativi di carattere inderogabile

A questa richiesta, va aggiunto il risultato negativo di un test PCR o antigenico fatto meno di 24 ore prima e lo sworn statement precedentemente citato.

Inoltre, prima della partenza, dovranno presentare una dichiarazione in cui attestano l’impegno a sottoporsi ad un ulteriore test all’arrivo e a 7 giorni di isolamento con tampone di controllo alla fine di tale periodo.

Riassumendo: solamente i viaggiatori non vaccinati sono sottoposti a quarantena a Guadalupa.

Dove alloggiare a Guadalupa

 

PLF per tornare da Guadalupa in Italia

Come per il resto dei Paesi appartenenti all’elenco C, per tornare in Italia è sempre necessaria la compilazione del Passenger Locator Form.

L’ingresso in Italia può avvenire senza isolamento fiduciario, ma è necessario presentare (oltre al PLF) il proprio Green Pass che derivi da avvenuto completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 giorni o avvenuta guarigione da COVID-19.

 

Rientro in Italia con isolamento fiduciario

Qualora non si possa presentare una delle due certificazioni – quella del vaccino o quella di guarigione – è obbligatorio per i viaggiatori:

  • presentare il risultato negativo di un test rapido effettuato entro le 24 ore prima o molecolare entro le 48 con risultato negativo
  • sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 5 giorni presso l’indirizzo indicato nel PLF.

In ogni caso si dovrà informare l’ASL competente per il territorio.

Alla fine dei 5 giorni, sarà poi necessario effettuare un test molecolare o antigenico finale con risultato negativo.

 

Situazione COVID a Guadalupa

A Guadalupa è stato dichiarato lo stato di emergenza fino al 31 Marzo 2022. Per rimanere aggiornati sulla situazione COVID vi consiglio di consultare il sito del governo e la pagina Twitter della prefettura, utili anche per ricevere aggiornamenti in merito alla sicurezza a Guadalupa.

Soprattutto negli ultimi tempi, l’arcipelago ha vissuto un netto peggioramento della situazione, con un picco dei contagi nei mesi invernali, motivo per cui dal 10 Gennaio 2022 è stato indetto un coprifuoco dalle 20:00 alle 5 del mattino.

Dal 25 Febbraio 2022 è in corso un coprifuoco dalle dalle 23:00 alle 5 del mattino.

Un ultimo consiglio sempre valido di questi tempo: contatta la tua compagnia aerea prima di partire e assicurati quali documenti sono richiesti all’imbarco (meglio essere prudenti!).

PLF, Green Pass e Guadalupa: come viaggiare dall’Italia ai Caraibi e ritorno

Articolo valutato 5.00 / 5 da 2 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.