Jericoacoara (Brasile): consigli di viaggio fai da te

Jericoacoara, per molti più semplicemente Jeri, per i più puntigliosi Jijoca de Jericoacoara in ogni caso un isolato villaggio pescatori tra le dune di sabbia dello stato brasiliano del Ceará, oggi una delle più gettonate mete turistiche del Nord-Est del Brasile nonché porta di accesso della Rotta delle Emozioni.

Jericoacoara è una piccola cittadina fatta di vie di sabbia (qui non ci sono né strade asfaltate, né marciapiedi, né lampioni) e immersa in un paesaggio difficile da raggiungere: occorre percorrere diversi chilometri su piste di sabbia per arrivarci ed è perciò necessario ricorrere ad una jeep 4×4 o una moto da cross o a un quad. Non mettere scarpe eleganti in valigia, per un soggiorno da queste parti non ti serviranno che un paio di infradito! 🙂

Dune di sabbia e lagune d’acqua dolce, ecco il tipico paesaggio nei dintorni di Jeri. In Agosto, solitamente, questi laghi d’acqua hanno un colore blu / azzurro cristallino. Quest’anno, a causa di un’eccezionale stagione delle piogge conclusasi a Maggio, il livello dell’acqua più alto del solito ha donato alle lagune di Jeri e dintorni colori più scuri e tendenti al verde smeraldo.

Jericoacoara, Lagoa Azul
Jericoacoara, Lagoa Azul

Va detto che Jeri ha perso un pò il fascino del luogo sperduto: qui il turismo è arrivato da tempo e in Agosto di italiani ne ho trovati parecchi, ma in parte i brasiliani hanno saputo conservarne l’animo. Il merito va sicuramente al fatto che la città sia non raggiungibile dai comuni mezzi di trasporto e le strade di sabbia e l’assenza di lampioni le trasmettono ancora un che di magico: vale sicuramente la pena trascorrere qualche notte a Jericoacoara, soprattutto per le escursioni nei suoi dintorni. Ma, come al solito, andiamo con ordine.

 

Jericoacoara cosa fare e come:

 

 

Come arrivare a Jericoacoara

Arrivare a Jeri non è complicato, solo che le informazioni online disponibili lasciavano parecchi dubbi. Quel che ho scritto e raccontato qui di seguito è tutto quel che ho raccolto durante il mio viaggio a Jericoacoara e spero possa esserti d’aiuto.

Il mio alloggio a Jericoacoara

 

Aeroporto Jericoacoara

Nell’organizzare il mio viaggio ho pensato “C’è un aeroporto, ci arriverò in aereo“. Giusto? Sbagliato!

L’aeroporto di Jericoacoara è dato in costruzione da molte guide, sia online che cartacee, probabilmente perché non aggiornate. Il realtà esiste, si trova a circa 30 Km dalla cittadina ed è servito da compagnie aeree brasiliane come Gol e Azul (che ho utilizzato per altre tratte durante il mio viaggio in Brasile – puoi trovare facilmente i voli con una veloce ricerca tramite SkyScanner) e che effettuano voli da San Paolo, Campina e Recife per Jeri o almeno questo è quel che riporta il comunicato stampa rilasciato all’apertura dell’aeroporto. In realtà non è facile trovare voli diretti e con orari “decenti” per raggiungere Jericoacoara in aereo; ma sopratutto la cittadina è una tappa della Rotta delle Emozioni che ho percorso durante il mio itinerario in Brasile e qui il viaggio è parte della vacanza.

Per questi motivi io ho raggiungo Jeri da Fortaleza in bus ed è quello che ti consiglio di fare.

Da Fortaleza a Jericoacoara

Tutta la zona vive di turismo e Fortaleza è il punto zero della Rotta delle Emozioni, di cui Jericoacoara è la prima vera tappa. Raggiungere Jeri da Fortaleza è quindi relativamente semplice, una volta sul posto troverai diverse soluzioni per farlo.

Io ho organizzato il mio trasferimento con l’hotel dove ho soggiornato, l’hotel Sonata de Iracema a Fortaleza. Una volta sul posto ho semplicemente chiesto in reception e per 80 Reais brasiliani (circa 18 €) a persona un’agenzia del posto ha pensato a tutto.

Il costo del trasferimento alle agenzie turistiche sul lungomare della città è simile: 90 R$ a persona, leggermente più costoso, ma parliamo di soli 2 € circa. Ho preferito affidarmi all’hotel.

Il trasferimento è avvenuto in pullman turistico da 50 posti, con sedute molto comode e spaziose e aria condizionata (come tutti i bus presi in Brasile). La partenza fissata per le 7:50 del mattino è avvenuta intorno alle 8:30 / 9:00 i brasiliani non sono molto puntuali, lo capirai una volta sul posto. 🙂

Il trasferimento in bus si è concluso intorno alle 14:00 (dopo una veloce sosta intorno alle 11:00 per bagno e spuntino) quanto siamo scesi nel parcheggio di una cittadina… di cui non ricordo il nome e a pochi chilometri da Jeri. 🙂

Le strade sino a qui sono percorribili da mezzi di trasporto tradizionali, ma per l’ultimo tratto (circa 50 minuti di strada) occorre una jeep 4×4 dato che l’asfalto lascerà spazio alla sabbia: si, piste di sabbia e dune che ti porteranno finalmente a Jericiacoara (anche il trasporto in 4×4 è incluso negli 80 R$ di cui ti ho parlato sopra).

Jericoacoara strade di sabbia
Jericoacoara strade di sabbia

Tutto il trasporto (sia in bus che in jeep) è stato organizzato e gestito dall’agenzia Girafa Tur, ti lascio il riferimento al loro sito girafatur.com.br Non posso che consigliartela dato che mi sono trovata molto bene, ma, ripeto, io ho organizzato tutto sul posto e tramite l’hotel Sonata de Iracema di Fortaleza.

Prima di scaricare i bagagli dal bus e caricarli sulla nostra jeep per l’ultimo tratto del trasferimento, abbiamo dovuto pagare una sorta di tassa di soggiorno per Jeri.

Tassa soggiorno Jericiacoara

Più che di tassa di soggiorno dovremmo parlare di una tassa per il turismo sostenibile, in portoghese Taxa de Turismo Sostentável di Jijoca de Jericoacoara.

Sono richiesti 5 R$ al giorno per persona, poco più di 1 € al giorno. Sono esclusi dal pagamento bambini fino ai 12 anni e persone oltre i 60 o portatrici di handicap.

Allo sportello è possibile pagare sia con carta di credito che con bancomat (come del resto in tutto il Brasile – mai trovato un paese tanto propenso ai pagamenti elettronici). Attenzione: questa tassa non può essere pagata alla struttura dove alloggerai: dato però che l’ufficio per il pagamento è una via obbligatoria per entrare in Jericoacoara non ti dovrai preoccupare di nulla.

Ah, a proposito di pagamenti: bancomat a Jericoacoara non ne ho trovati! E non mi pare di aver visto neppure degli uffici di cambio (che poi qualche hotel si occupi di questo è un altro discorso…). Qui però bancomat e carte di credito sono accettate ovunque e da tutti: persino i carretti che preparano la caipirinha in spiaggia sono dotati di POS, non sto scherzando!

 

Dove alloggiare a Jericoacoara

La scelta di una hotel a Jericoacoara non è difficile: su Booking possiamo individuare tantissime belle pousade, cioé hotel o locande per utilizzare una traduzione più letterale.

Il centro (e stiamo parlando del centro di un’area urbana composta da 4 vie principali) è ormai molto turistico con un susseguirsi di bar, negozietti, agenzie turistiche, ristorantini, gelaterie e nuovamente bar, negozietti e così via… Io ho preferito Pousada Villa Medina Jeri e ne sono rimasta veramente soddisfatta.

Jericoacoara pousada Villa Medina Jeri
Jericoacoara Pousada Villa Medina Jeri

Ottimo rapporto qualità prezzo e una super reception: grazie ad Ingrid, una delle poche persone brasiliane ad aver incontrato durante il viaggio che parla fluentemente inglese, ho raccolto non poche informazioni sulla zona, oltre ad aver organizzato facilmente i miei spostamenti da Jericocoara e le escursioni.

Villa Medina Jeri non è “in centro”, ma il centro di Jeri è a due vie di distanza, credo a 3 minuti a piedi. Questa pousada si trova in una zona un poco più tranquilla, ma comunque all’interno del perimetro della città (alcune pousade sono “fuori Jeri” ed è questa l’unica cosa di cui ti devi sincerare nella scelta di un hotel a Jericocacoara).

Il soggiorno presso pousada Villa Medina Jeri è costato 20 € al giorno a persona con una buona colazione e WiFi (un ottimo WiFi, a differenza della media brasiliana). Stanza con cassaforte e aria condizionata.

Oltre a Villa Medina Jeri avevo selezionato anche pousada Peixe d’Ouro, esattamente di fronte a Villa Medina. Quale preferire tra le due? Scegli in base alle foto che preferisci su Booking!

 

Vedi foto pousada Peixe d’Ouro

 

Camminando poi per la città, ho notato pousade molto carine: ti segnalo Pousada Villa Caju, Pousada Ibiscus, Pousada Naquela Jericoacoara e Pousada Pousada Carcará, tutte in ottima posizione.
Attenzione però è facile che queste abbiano prezzi decisamente più alti rispetto alle prime due che ti ho segnalato e che ho preferito per il mio viaggio fai da te.

 

Escursioni a Jericoacoara: dune e laghi d’acqua dolce

L’atmosfera di Jeri ha un certo fascino, ma sopratutto sono i dintorni ad avermi regalato ricordi indelebili.

La prima escursione (più che un’escursione è una camminata nei dintorni di Jeri) che ti consiglio è a Pedra Furada, da visitare rigorosamente al tramonto e a piedi.
E’ stato un incaricato della Girafa Tur che, dopo averci condotto alla nostra pousada, Villa Medina Jeri, ci ha poi dato appuntamento alle 16 in centro per raggiungere a piedi questa Pedra Furada (roccia forata) ed ammirare il tramonto.

Si tratta di uno scoglio poco lontano dal villaggio: dovrai salire una collina e poi scendere in spiaggia lungo un sentiero di sabbia. Non ti so dare indicazioni più precise, ma al tramonto tutti vanno li, quindi al più chiedi indicazioni e segui qualcuno. 🙂 Jeri è una cittadina veramente molto piccola e con il mare come punto di riferimento è facilissimo orientarsi.

Jericoacoara Pedra Furada
Jericoacoara Pedra Furada e la fila di turisti per la foto al tramonto

Altro punto dove osservare il tramonto è su Por do Sol: al calar del sole i turisti si dividono tra Pedra Furada e Por do Sol, uno ad un capo della città, l’altro all’opposto. Por do Sol è una duna di sabbia di Jericoacoara che non potrai non notare dalla spiaggia principale. Non dovrai fare altro che risalire la duna intorno alle 17 (ad Agosto il sole a Jericoacoara cala intorno alle 17:30) ed ammirare lo spettacolo. Ti consiglio però di bere il tuo cocktail, la tua birra o la tua bibita prima di salire la duna: il vento solleva la sabbia e in pochi minuti bicchiere o bottiglia saranno invasi da fastidiosissimi granellini.

Anche Por do Sol è raggiungibile in autonomia e a piedi.

Ora veniamo alle escursioni vere e proprie e per orientarti meglio ti lascio una piccola cartina di Jericoacoara e dintorni.

Cartina Jericoacoara
La mappa di Jericoacoara e dintorni

Le due principali escursioni a Jericoacoara sono delle visite alle dune di sabbia e ai laghi di acqua piovana che si formano tra queste durante le stagioni delle piogge. Agosto, e tutta la nostra estate, è il periodo migliore per visitarle perché la trasparenza e limpidezza di queste pozze d’acqua è massima.

Jericoacoara Lagoa Azul e Lagoa do Paraíso

La prima escursione prevede la visita (con sosta) a Lagoa Azul e a Lagoa do Paraíso, la Laguna Azzurra e la Laguna del Paradiso. In realtà, queste pozze hanno nel nome solo un identificativo per distinguerle, io non ho notato molta differenza di colori tra l’una e l’altra. 🙂

Ti consiglio di scegliere il dune buggy per vivere così queste escursioni:

Jericoacoara in dune buggy per le vie della città
Jericoacoara in dune buggy per le vie della città

L’escursione ha, trasporti inclusi, una durata di 5/6 ore con partenza al mattino e rientro nel pomeriggio. Il pranzo è escluso e verrà effettuato ad un ristorante nei pressi di Lagoa do Paraíso.

Il costo varia a seconda del mezzo di trasporto: 300 R$ per un dune buggy privato (65 € circa, da dividere tra i partecipanti – al massimo 4), oppure la metà (150 R$ in due, cioè 16 € a persona) per dividere un buggy con altre turisti (questi mezzi trasportano al massimo 5 passeggeri, compreso l’autista e no, non è possibile guidare un dune buggy – lo dico perché Marcello ci ha tanto sperato! 🙂
0ppure tramite pulmino turistico per 50 R$ (circa 11 €) a persona. Questi pulmini sono delle camionette 4×4 con tettuccio e panche sul retro e ricordano più le jeep dei safari africani che un bus.

Il pranzo a Lagoa do Paraíso (vedi foto qui sotto – non far caso alle facce oscene di me e Marcello!), non incluso, è costato 116 R$ (per due persone circa 25 € in tutto) per due caipirinhe, una bottiglietta d’acqua, un piatto abbondante di gamberetti grigliati e patatine. Infine 3 buonissimi succhi di frutta preparati al momento. Il locale è una “spiaggia attrezzata” con tavoli e amache nell’acqua…forse è meglio una foto per spiegartelo.

Jericoacoara, Lagoa do Paraiso
Jericoacoara, Lagoa do Paraiso

L’altezza dell’acqua non dipende dalle maree, ma dall’abbondanza (o scarsità) delle piogge. Ha piovuto molto nei mesi prima del mio viaggio ed è per questo che il colore di questi specchi d’acqua è più torbido del solito (la giornata nuvolosa poi non rende molta giustizia alla foto).

Jericoacoara Tatajuba

Tatajuba è la seconda e tipica escursione di Jericoacoara.

Il prezzo di questa escursione a Jeri sale leggermente rispetto alla precedente: 350 R$ per buggy privato (78 €), 175 R$ (38 € che io e Marcello abbiamo diviso per 2) per dune buggy condiviso e 60 R$ (13 €) a persona con pulmino turistico.

Qui attraverserai con una zattera il corso di un fiume che si getta nell’oceano per poi visitare un bosco di mangrovie dove vivono dei cavallucci marini (i poveri cavallucci vengono catturati a mani nude e riposti all’interno di vasi di vetro per essere osservati – non mi è piaciuto per niente! Inoltre questa “attrazione” non è compresa nel costo dell’escursione e per poter vedere i cavallucci dovrai pagare ulteriori 15 R$ a persona, circa 3 €), da qui una corsa spericolata tra le dune di sabbia col dune buggy, veramente emozionante soprattutto se come me non ti aspettavi che l’autista fosse un pazzo scatenato! 😄

Sono previste soste ad un paio di laghi per rinfrescarsi, una sosta ad una zip line (e ti consiglio almeno un giro sulla giostra – non ricordo il costo, ma per 2 lanci ho pagato pochi €) e la sosta per il pranzo, ad un ristorante con le gambe immersi nell’acqua.

Zipline Jericoacoara
Zipline tra le dune di sabbia di Jericoacoara

Spiaggia Jericoacoara

Queste escursioni sono vere e proprie giornate di mare: porta con te costume e asciugamano, acqua (magari in una borraccia di acciaio come questa per evitare il continuo smaltimento di bottigliette di plastica) e infradito, insomma come se andassi in spiaggia!

E a proposito di spiaggia, la spiaggia di Jericoacoara è lunga e sabbiosa con il mare che si ritira e parecchio per l’effetto delle maree. Sicuramente uno spettacolo da fotografare o ottima per trascorrere qualche ora di relax da queste parti. Il vero spettacolo però è dato dalle escursioni che ti ho raccontato.

Tutte le escursioni le ho svolte con l’aiuto della pousada Villa Medina Jeri: ho chiesto a loro e loro hanno organizzato per me. I prezzi sono piuttosto standardizzati (come in tutto il Brasile) ed è difficile ottenere sconti.

In ogni caso ti lascio anche il biglietto da visita (scaricalo qui) del mio bugueiro, l’autista del dune buggy: puoi contattare Orlando anche su WhatsApp.

Se dovessi scegliere tra l’escursione a Lagoa Azul e do Paraíso e quella Tatajuba, voterei Tatajuba: più emozionante per le corse in dune buddy e per le dune di sabbia più alte e maestose, ma se ne hai l’occasione falle entrambe: io non me ne sono per niente pentita. 🙂

 

Jericoacoara dove mangiare

Se mi segui su Instagram, saprai già che sono un’amante del buon cibo. 🙂

Qui a Jeri però non ho locali in particolare da segnalarti, voglio però metterti in guardia da quel che è solito avvenire in Brasile all’ora di cena.

I brasiliani hanno l’abitudine di prendersela molto con calma e sottolineo mooolto! Quindi per una “veloce cena a Jeri”, sopratutto durante gli affollati weekend, trascorrerai a tavola almeno un’ora e mezza, magari due! Ci vuole pazienza, molta!

Nella via dei chiringuito che porta al mare (non ti preoccupare, una volta sul posto la noterai senza difficoltà) troverai anche bancherelle che grigliano pesce e carne servendo gustosi spiedini: ottimi per un aperitivo o un antipasto prima della (lunghissima) cena!

PS: i locali nella piazza centrale di Jeri sono tutti molto turistici, meglio chiedere consiglio e indicazioni alla struttura dove soggiornerai per una buona cena.

 

Kite Surf Jericoacoara

Non lo sapevo e l’ho scoperto una volta sul posto, ma qui si danno appuntamento gli appassionati di kitesurf da tutto il Mondo.

Infatti a causa delle maree e della conformazione dei fondali, il mare si ritira di parecchi metri ogni giorno e le coste ventilate di Jericoacoara sono l’habitat perfetto per questo sport con tavola e vela.

Chiacchierando con Ingrid, la receptionist di pousada Villa Medina Jeri, ho scoperto che sono oltre una 15ina le scuole di kite in città.

Cerca alloggio a Jericoacoara su Booking

 

Cerchi una scuola di kitesurf a Jericoacoara? Il mio consiglio è proprio di prenotare a Villa Medina Jeri e chiedere informazioni ad Ingrid: parla inglese molto fluentemente ed è stata più che disponibile con me nell’organizzare la mia permanenza a Jeri e tutte le escursioni e successivi trasferimenti.

 

Jeri quando andare

Jericoacoara in Agosto è al suo massimo splendore, ma il Nord-Est del Brasile bene si adatta a tutti i periodi di ferie di noi italiani.

Luglio, Agosto e Settembre sono un ottimo periodo per visitare questa zona del Paese, come anche Novembre e Dicembre. Si, Jericoacoara a Natale o Capodanno è una meta consigliabile.

Data la prossimità con l’Equatore fa caldo tutto l’anno, mentre i periodi più piovosi vanno da Marzo a Maggio (ma anche Febbraio e Giugno sono mesi mediamente più piovosi rispetto alla stagione secca).

 

Quanti giorni a Jericoacoara?

La sosta ideale a Jeri lungo la Rotta delle Emozioni è di 2 o al più 3 notti. Ma Jericoacoara è una località frequentata anche da italiani che, data la notorietà del luogo, prediligono soste più lunghe.

Il mio consiglio è fermarti il giusto e poi proseguire: non perderti quel che altro ha da offrire la Rotta delle Emozioni oltre Jeri, soprattutto il Parco nazionale dei Lençóis Maranhenses.

Vedi foto pousada Villa Medina su Booking

 

 

Jericoacoara è sicura

La risposta a questa domanda è assolutamente si e senza indugi. All’ingresso dell’area urbana di Jericoacoara un posto di blocco verifica il pagamento della tassa di soggiorno e la polizia controlla anche che tu abbia allacciato la cintura di sicurezza, questo per farti capire l’aria che si respira da queste parti.

Nel perimetro cittadino, più di una volta, ho visto polizia in auto e a piedi. La sensazione che ho avvertito è che i brasiliani vogliano rassicurare il turista. Non ho in alcun modo notato presenza di criminalità e mi sono sentita più che sicura la sera, tanto da portare con me borsa, telefonino e fotocamera.

Ingrid, la receptionist di pousada Villa Medina Jeri, mi ha raccontato che vive qui da anni e non si è mai fatta problemi ad indossare anelli, orecchini o altro: mai un furto o episodi di malavita da segnalare da queste parti.

 

Opinioni Jericoacoara

Jeri è sicuramente una cittadina molto turistica, forse troppo per i miei gusti, ma le escursioni nei dintorni, merito anche delle corse in dune buggy, le ho apprezzate moltissimo!

Non trascorrerei qui una settimana, ma come tappa lungo la Rotta delle Emozioni e come antipasto a quello che il Nord-Est del Brasile ha da offrire non posso che consigliartela.

Il viaggio continua e dopo Jericoacoara il mio itinerario prosegue per Parnaíba. 🙂 A breve pubblicherò nuovi articoli, torna a trovarmi!

Jericoacoara (Brasile): consigli di viaggio fai da te

Articolo valutato 4.90 / 5 da 39 lettori

Valuta l'articolo:            


Se hai trovato informazione utili, potresti condividere questa pagina?
Ti ringrazio in anticipo! 🙂

FacebookWhatsAppTwitterPinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 commenti a “Jericoacoara (Brasile): consigli di viaggio fai da te

  • 24 Maggio 2024

    Ciao Marta, complimenti davvero per le informazioni preziosissime che sai dare.
    Volevo chiederti se si riesce a fare 2 notti a Jericoacoara arrivando nel primo pomeriggio lì da Fortaleza, l’escursione il giorno dopo e l’altra escursione in mattinata del terzo giorno spostandosi poi nel pomeriggio verso Parnaiba.

    Rispondi
    • Marta
      24 Maggio 2024

      Ciao Mauro,
      si, dovresti farcela. Chiedi alla struttura dove alloggerai (io ho dormito presso Pousada Villa Medina Jeri di organizzarti il tutto come da tue indicazioni. 🙂

      Tutta la zona vive di turismo e sono ben disposti ad assecondare i turisti e le loro richieste.

      Un saluto,
      Marta Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 20 Febbraio 2024

    Ciao Marta! Ti seguo anche su Instagram, fighissima!

    Volevo farti qualche domanda. Ho letto che hai fatto 2 notti a Jericoacoara ma si riescono a fare entrambe le escursioni (perché anche noi faremmo 2 notti)? Ho visto che partendo la mattina da Fortaleza si arriva in metà mattinata a Jericoacoara. Sei riuscita in quel primo pomeriggio a fare l’escursione al lago e il giorno dopo nelle dune di Tatajuba?

    Noi vorremmo anche fare kite surf quindi forse ci servirebbero 3 notti, secondo te saltare Parnaìba sarebbe una grande perdita?

    Le gite in barca a Parnaìba sono solo la mattina che tu sappia?

    Grazie infinite

    Rispondi
    • Marta
      21 Febbraio 2024

      Ciao Mila 🙂

      Se avete intenzione di fare anche kite a Jeri, 3 notti è il minimo: il primo giorno tra arrivo, sistemazione e un “giro per Jeri” non avrai tempo di fare anche escursioni (che partono al mattino). Io sono arrivata, ho dormito e fatto la prima escursione il giorno dopo, poi una seconda il giorno successivo e al pomeriggio dello stesso giorno sono ripartita per Parnaiba. Il bello di Parnaiba sono gli ibis rossi (leggi l’approfondimento Parnaíba, Delta das Americas e ibis rossi) e mi permetto di dirti questo: kite surf lo puoi fare ovunque, ma lo spettacolo degli ibis rossi è qualcosa di unico! ❤️

      Un saluto,
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 30 Gennaio 2024

    Ciao Marta!
    Trovo bellissimo il tuo blog e confesso di aver letto e riletto più volte le tue dritte su Jericoacara.
    Partirò con il mio compagno a settembre verso Jeri e avrei alcune domande da farti.
    La si può pagare con il bancomat ovunque? Le strade sono sicure? Pur non avendo auto per spostarsi le escursioni sono facili da organizzare?

    Grazie mille in anticipo per la tua risposta,
    Larissa

    Rispondi
    • Marta
      30 Gennaio 2024

      Ciao Larissa,
      si, bancomat e carte di credito accettate quasi ovunque a Jeri, a volte anche ai chiringuito sulla spiaggia e mi sento anche di dirti che le strade sono sicure, ma a tal proposito ti segnalo anche il mio approfondimento sulla sicurezza in Brasile. Infine organizzare escursioni non sarà un problema: tutta la zona vive di turismo e una volta sul posto avrai l’imbarazzo della scelta. 🙂

      Un saluto,
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 15 Novembre 2023

    Ciao Marta! Partirò per Fortaleza la prossima settimana e stavo considerando un’escursione di 1 notte da li (purtroppo proprio non posso stare di più). Vale la pena di fare il viaggio lungo per una sola notte? Inoltre sono una ragazza da sola, pensavo di partire con un tour organizzato, posso stare tranquilla? Grazie!

    Rispondi
    • Marta
      15 Novembre 2023

      Ciao Chiara,
      è difficile darti una risposta: Jericoacoara è un luogo sicuramente iconico, anche se ormai “turistico”, ma ancora affascinante. Quindi istintivamente ti direi “si, anche solo per una notte vai a Jeri“. Devi considerare però che buona parte del “bello” di Jeri è quanto è visitabile con escursioni, escursioni a cui credo non avrai tempo di partecipare… Non conosco inoltre il tuo itinerario in Brasile e come Jeri si possa collocare tra le varie tappe: se queste 24 ore o poco più a Jericoacoara complicano il tuo itinerario, probabilmente io rinuncerei a questa tappa dedicando il tempo “risparmiato” a vivere con più calma il restante tragitto della Rotta delle Emozioni. Mi rendo conto che non è una gran risposta la mia, ma, come ti scrivevo, è una domanda difficile la tua. 🙂

      In merito invece al tuo “posso stare tranquilla” ti rimando all’approfondimento sicurezza in Brasile, dove trovi raccontata la mia esperienza.

      A presto,
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 18 Ottobre 2023

    Vorrei ringraziarti per la immensa utilità del tuo articolo. Sto organizzando con mia moglie un tour simile in Brasile e trovo che le tue indicazioni siano perfette, mi stanno permettendo di fare ottime scelte e di risparmiare un sacco di tempo in ricerche.
    Congratulazioni e buoni viaggi!

    Rispondi
    • Marta
      19 Ottobre 2023

      Ciao Guido,
      ti ringrazio per il messaggio, il tuo feedback è davvero importante per me. 🙂

      a presto e buon viaggio a Jeri, sono sicura che vi piacerà moltissimo.
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 26 Luglio 2023

    Ciao Marta!
    sono Arianna (Lampedusa, Cala Pulcino…).

    Grazie mille per le dritte: secondo te, 9 giorni a Gennaio, dopo la befana, è fattibile con il meteo lì?
    Grazie in anticipo e buona giornata!

    Rispondi
    • Marta
      26 Luglio 2023

      Ciao Arianna,
      che piacere rincontrati, mi hai trovata alla fine! 😉

      Jericoacoara a Natale o Capodanno è una meta consigliabile per il meteo. Io in merito alla Rotta delle Emozioni consiglio un minimo di 7 e un massimo di 10 giorni, ma considera che a me piace muovermi e spostarmi molto.

      Certo è che se avessi qualche giorno in più sarebbe meglio, ma a volte dobbiamo accontentarci. 😛

      A presto, magari ci ritroviamo più vicino la prossima volta!
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 30 Giugno 2022

    Ciao vedo che hai dormito a Jeri 2 notti e sei riuscita a fare entrambe le escursioni, il transfer verso Parnaiba lo hai fatto di sera?
    Grazie 1.000!

    Rispondi
    • Marta
      30 Giugno 2022

      Ciao Roberta,
      si, io sono arrivata a Jeri nel primo pomeriggio, ho dormito qui 2 notti e poi, nel primo pomeriggio del giorno seguente sono partita per Parnaiba. Ho organizzato il trasferimento sul posto, dividendo il viaggio (tra paesaggi meravigliosi!) con un’altra coppia. Trovi tutto spiegato nei primi paragrafi dell’approfondimento Parnaíba (Brasile): Delta das Americas e ibis rossi. 😉

      A presto,
      Marta
      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 30 Gennaio 2020

    Ciao, dovrei chiederti una cosa: gli spostamenti condivisi come li hai organizzati con altre persone? Perché noi siamo in 2… non vorrei ritrovarmi a pagare cifre esorbitanti. Inoltre sempre gli spostamenti li hai organizzati al momento tramite posada o prima dall’Italia?

    Rispondi
    • Marta
      30 Gennaio 2020

      Ciao Simona,
      anche per me Jericoacoara è stato un viaggio di coppia. 🙂 Ho organizzato tutti gli spostamenti sul posto e al momento. Qui sopra nell’articolo trovi il numero di Orlando, l’autista del dune buggy con cui abbiamo fatto le escursioni a Jeri e che ci ha organizzato alcuni dei trasporti.

      Impiegata Giramondo

      Rispondi
  • 8 Dicembre 2019

    Ciao, avrei da fare una domanda semplice: a Jearicoacoara si può pescare con la canna da pesca?

    Rispondi
    • Marta
      8 Dicembre 2019

      Ciao Gaetano,
      purtroppo non sono una pescatrice 🙂 e quindi non so proprio rispondere alla tua domanda. Ti consiglio però di contattare Pousada Villa Medina Jeri: sono disponibilissimi e sicuramente sapranno rispondere alla tua domanda.
      A presto,

      Impiegata Giramondo

      Rispondi